fbpx

Covid, la Sicilia fissa tariffa per tamponi rapidi a 15 euro, insorgono i biologi: “A quelle cifre il test nei laboratori non si può fare”

tampone coronavirus

Coronavirus. Il rappresentante dei biologi siciliani: “Test venduto, dai fornitori ai laboratori a circa 10 euro. Costo a cui vanno aggiunte le spese indispensabili per l’obbligatoria messa in sicurezza e sanificazione”

È notizia di questi giorni che l’assessorato alla Salute della Regione Sicilia ha fissato le indicazioni operative in materia di screening, relative all’utilizzo ed all’esecuzione dei tamponi rapidi su card per la rilevazione degli antigeni specifici per Sars-Cov 2 da prelievo rinofaringeo.
In particolare, al fine di calmierare i prezzi, l’Assessorato ha anche stabilito una tariffa regionale obbligatoria pari a 15 euro comprensiva di prelievo rinofaringeo. Ebbene tale prezzo è semplicemente insostenibile per i laboratori di analisi cliniche
“. Lo dichiara, in una nota, il dott. Pietro Miraglia, vicepresidente dell‘Ordine Nazionale dei Biologi di cui è anche delegato per la regione Sicilia.

Il tampone rapido per coronavirus – argomenta il rappresentante dei Biologi siciliani – non può essere eseguito per quella cifra dal momento che il test viene già venduto, dai fornitori ai laboratori, a circa 10 euro“. Un costo “a cui vanno poi aggiunte anche tutte le altre spese sostenute nei laboratori ed indispensabili per la obbligatoria messa in sicurezza e sanificazione dei locali a esclusivo interesse del personale e degli stessi pazienti” conclude Miraglia.