fbpx

Cossiga: Zanda, ‘in emergenza rispettare sempre democrazia e stato diritto’

Sassari, 24 set.(Adnkronos) – “Francesco Cossiga è stato il protagonista decisivo della lotta sanguinosa tra un tentativo insurrezionale e la democrazia parlamentare. Da lui ho imparato che, anche davanti allo stato di eccezione provocato da un terrorismo rosso para rivoluzionario e da uno stragismo nero cieco e vigliacco, chi ha responsabilità pubbliche deve saper mantenere fermi i principi della democrazia e dello stato di diritto. Questo insegnamento non è poca cosa. Vale anche per tutti noi, oggi che siamo chiamati a lottare contro le nuove emergenze sanitarie e le più gravi difficoltà economico-sociali degli ultimi 70 anni”. Lo ha sottolineato il senatore Luigi Zanda, intervenendo al convegno organizzato dall’Università di Sassari nel decimo anniversario della morte di Francesco Cossiga.
“Chi non ha vissuto quegli anni -ha ricordato Zanda- non può capire. L’assassinio di Moro arriva alla fine di anni terribili. Molti giovani allora, pensavano seriamente all’insurrezione armata come a un’opzione percorribile e le loro idee erano circondate da vastissime simpatie in tutti i ceti sociali. Per mesi a Milano e a Roma il sabato pomeriggio le strade erano devastate da cortei armati di centinaia di migliaia di giovani e di meno giovani”.