fbpx

Coronavirus: Orlando, ‘da negazionisti pessimo servizio al paese’

Roma, 5 set. (Adnkronos) – ‘Ieri Giorgia Meloni, evidentemente punta sul vivo per le critiche mosse ai negazionisti di estrema destra, contrattacca dicendo ‘che i negazionisti stanno al governo’. L’argomento utilizzato è che alcuni esponenti della sinistra hanno ad inizio epidemia sottovalutato il fenomeno. La Meloni è una intelligente professionista della politica e sa bene che c’è un’enorme differenza tra aver sottovalutato all’inizio della diffusione del Covid, errore diffuso e trasversale, e continuare a negare di fronte all’evidenza dei numeri e degli effetti la veridicità dell’epidemia contestando i provvedimenti adottati per farvi fronte, magari parlando di complotti delle case farmaceutiche, di potenze straniere o di imprecisate élite”. Così su Facebook Andrea Orlando, vicesegretario del Pd.
Meloni “lo sa – prosegue Orlando – ma sa anche che tra molti invasati in buona fede, tra alcuni conquistati da teorie paranoiche, ci sono vecchi marpioni, fascisti et similia, che si muovono sulla base di un preciso calcolo politico. Negare l’evidenza del disastro Covid significa strizzare l’occhio a settori della società in ginocchio, a imprese e famiglie comprensibilmente esasperate dagli effetti delle misure necessarie a fare fronte al virus, persone che hanno visto, a causa dell’epidemia, svanire i loro risparmi e i loro progetti e offrire ad esse bersagli totalmente falsi contro i quali scagliare la loro rabbia. Negare l’evidenza può rendere politicamente. Una rendita ottenuta lucrando su ciò che dovrebbe essere sottratto al calcolo politico”.
“La Meloni non è fascista, non è nemmeno negazionista ma teme di subire la concorrenza di quell’arcipelago che in futuro potrebbe dimostrarsi insidioso. Il suo socio strizza l’occhio a questi sentimenti mostrandosi senza mascherina quando dovrebbe portarla. Lei parla alla Camera di ‘dittatura sanitaria’ alludendo all’idea che il Governo abbia in qualche modo approfittato della situazione. Non sono negazionisti ma devono tenere conto dei negazionismi. Hanno alzato ed alzeranno i toni per questo. Renderanno un pessimo servizio al Paese per cercare qualche voto”, conclude.