Categoria: CALABRIANEWSREGGIO CALABRIASPORT

Serie B: Reggina, sognare non è peccato

Con la recente vittoria dei play-off da parte dello Spezia ai danni del Frosinone, il quadro delle partecipanti alla Serie B del prossimo anno è completo. Sebbene il mercato sia ancora pienamente nel vivo, si può comunque iniziare a fare qualche considerazione generale su quello che ci aspetta nella prossima stagione. Oltre a quello della Reggina, ci sono altri ritorni importanti di club storici come Vicenza e Monza che, come la società amaranto d’altronde, hanno alle spalle proprietà munifiche e decisamente ambiziose.

E siccome il “doppio salto” dalla C alla A non è così raro, ci sono tutte le condizioni per sognare in grande. Ovviamente, tutti i tifosi amaranto sperano che a farlo sia proprio la Reggina, ma – come detto – la concorrenza sarà agguerrita. Non dimentichiamo, infatti, la categoria di quelle compagini che, nella stagione appena conclusa, hanno accarezzato a lungo l’idea di tornare finalmente in Serie A e, poi, proprio sul più bello, non sono riuscite a concretizzarla. Parliamo, ad esempio, del quotatissimo Frosinone guidato da un mister d’eccezione come Sandro Nesta, superato proprio nell’atto finale dallo Spezia di Vincenzo Italiano.

Oppure il Chievo del Presidente Campedelli, che – per blasone e potenzialità – alla vigilia della scorsa stagione era annoverato tra le squadre virtualmente in grado di dominare il torneo (e poi eliminato proprio dallo Spezia in semifinale, dopo una stagione regolare comunque complicata). O anche la Salernitana guidata addirittura dall’ex CT Ventura, che in quanto a storia e proprietà ambiziosa non ha nulla da invidiare alle concorrenti. Sicuramente, anche il Pordenone (eliminato alle semifinali play-off dal Frosinone), proverà a riproposi come terzo incomodo e compiere l’impresa. Così come il Cittadella, da anni etichettato come “sorpresa” del campionato, ma che ormai sarebbe più opportuno definirla “splendida realtà”. Poi, come ogni anno, la Serie B regalerà qualche altra outsider più o meno inattesa, in grado di sconfessare tutti i pronostici. Pronostici che, al momento, grazie ai grandi affari già conclusi e alle importanti trattative in essere, vedono sempre più la Reggina protagonista.

Non può essere altrimenti, perché giocatori come Jeremy Menez o Adil Rami sono in pochi a poterseli permettere alle latitudini della cadetteria. E’ vero, non sono più giovanissimi, ma la qualità non si discute. In più, in un campionato complesso e imprevedibile come quello di Serie B, l’esperienza nei momenti delicati della stagione è un fattore che spesso fa la differenza. Se, poi, dovesse arrivare a Reggio anche un talento (ancorché ancora non completamente espresso) come Mario Balotelli, allora non sarebbe neanche corretto mettere limiti ai sogni amaranto. Nemmeno pro-forma. La sensazione è che ci sia da credere al DS Taibi quando smentisce ogni trattativa con l’entourage di SuperMario, ma l’ex (tra le altre) di Milan e Inter sarebbe probabilmente un lusso anche eccessivo per la categoria. Tuttavia, c’è da immaginare che la società punterà ad un giocatore forse dal nome meno altisonante, ma di certo di livello e in grado di migliorare ulteriormente le opzioni offensive a disposizione di Mister Mimmo Toscano.

Senza ovviamente dimenticare il neo-acquisto Kyle Lafferty che, comunque, in quanto a pedigree internazionale, non scherza di certo. Con queste prospettive, può essere di grande aiuto tenere d’occhio gli aggiornamenti (al momento non ancora disponibili) dei consigli di pronostici calcio di Sportytrader sul potenziale prossimo vincitore della serie cadetta: la Reggina sarà tra le squadre più accreditate alla vittoria finale.

E, curiosamente, come dicevamo all’inizio, probabilmente le concorrenti più quotate saranno proprio le altre due neo-promosse Monza e Vicenza, anche loro artefici di un calciomercato spumeggiante. La speranza è che, da un lato, i pronostici vengano confermati durante la stagione e, dall’altro, che alla fine sia proprio la Reggina a spuntarla. Ovviamente, però, tutto questo ad oggi è estremamente prematuro. Di certo c’è che le condizioni e le prospettive per far bene ci sono tutte, ora starà al DS Taibi puntellare definitivamente la rosa e a Mister Toscano assemblarla in maniera sapiente, come d’altronde ha fatto nella scorsa stagione. Infine, ci penserà sicuramente Jeremy Menez a far venir giù il Granillo alla prima magia. E, sinceramente, dopo tutto quello che è successo in questo difficile periodo, non vediamo l’ora…