fbpx

Reggio Calabria: i candidati Angela Tripodi e Gianluca Califano incontrano il candidato sindaco Minicuci per sciogliere il nodo ex Multi-servizi

Reggio Calabria, la nota della Segreteria politica Califano-Tripodi

“I candidati al Consiglio Comunale di Reggio Calabria Tripodi Angela e Califano Gianluca, inseriti nella coalizione di centro-destra, nella lista “Cambiamo con Toti”, alla presenza del candidato sindaco Minicuci Antonino, nella giornata odierna, si sono espressi circa le varie problematiche e disagi cui la città sta versando”. Lo afferma in una nota la Segreteria politica Califano-Tripodi.

“Nello specifico si sono confrontati relativamente alla vicenda ex Multiservizi, ove, circa novanta famiglie, da oltre cinque anni, si trovano a combattere con una situazione inverosimile, poiché parte di ex lavoratori si trova ricollocata nel bacino ex Lsu, utilizzati presso il comune di Reggio Calabria e la rimanenza senza alcun sostegno al reddito e senza alcuna prospettiva lavorativa.
L’attuale amministrazione, non rispettando quanto dovuto e previsto nei vari decreti dirigenziali della Regione Calabria, che prevedeva l’avvio in percorsi e consequenziale assorbimento e collocazione nelle società nascenti destinando un importo di 1 milione e 800 mila euro per tale finalità.
I due candidati hanno ribadito che i novanta lavoratori esclusi possano essere riassorbiti e, la rimanente parte, oggi utilizzata presso il Comune (ex Lsu), possano essere stabilizzati presso il predetto Ente.
Il dott. Minicuci, competente in materia, ha sin da subito manifestato la volontà ad approfondire la problematica esposta valutando tutte le possibili soluzioni. “Pensare a quasi 100 famiglie che si trovano in questa situazione mi rammarica. Perdere il lavoro, specie in un territorio complicato come il nostro, è un dramma che bisogna evitare a tutti i costi. Ringrazio Angela Tripodi e Gianluca Califano per avermi sottoposto la questione e spiegato la vicenda, faremo tutti gli approfondimenti necessari per capire se si potrà risolvere questa spiacevole situazione”, le parole di Minicuci”.