Museo di Messina, il SIAD denuncia numerose criticità: dall’assenza degli estintori all’impianto di climatizzazione fuori uso

Il sindacato SIAD ha inviato una nota al Direttore del Museo di Messina, oltre che al Dirigente del Dipartimento Beni Culturali e all’assessore al ramo, per fare luce su una serie di criticità. Prima tra tutte la presunta assenza delle dovute misure di sicurezza

Il Sindacato autonomo SIAD ha inviato una nota al Direttore del Museo Regionale di Messina, al Dirigente Generale del Dipartimento Beni Culturali e All’Assessore ai ai Beni Culturali per chiedere un immediato intervento riguardo il ripristino di alcune misure necessarie a garantire la sicurezza e il benessere sui luoghi di lavoro.

Chiedo di conoscere se il Direttore Arch. Orazio Micale – dichiara Clara Crocè Segretario provinciale SIAD – abbia provveduto al ripristino degli impianti di climatizzazione stante le gravi condizioni in cui sono costretti ad operare i dipendenti. Se abbia provveduto alla fornitura di acqua nei bagni e soprattutto se abbia provveduto alla fornitura degli estintori. Lo stesso direttore durante una riunione ha candidamente dichiarato che il Museo Regionale è sprovvisto di estintori”.

Il SIAD chiede di conoscere il numero dei visitatori giornalieri del Museo e quali misure siano state adottate affinché gli stessi possano visitare il museo in condizioni climatiche accettabili.
Abbiamo chiesto di ripristinare l’immediato ripristino del vecchio orario di apertura del Museo fino alle ore 18, in attesa di discutere in sede di contrattazione i turni di lavoro. Da una veloce disamina dei turni di lavoro appare di tutta evidenza che nell’organizzare i turni giornalieri di lavoro non viene garantita la rotazione ciclica degli addetti. Inoltre, non riusciamo a comprendere se il personale di categoria “A” sia utilizzato nei servizi di tutela e vigilanza
”.