fbpx

Mobilità elettrica, “serve rilancio sul fronte infrastrutture per la ricarica dei veicoli”

Roma, 3 ago. ‘(Adnkronos) – ‘Ci auguriamo che uno dei pilastri del programma di sviluppo dell’Italia post Covid possa riguardare anche la mobilità elettrica” con un rilancio sul fronte infrastrutture per la ricarica dei veicoli a zero emissioni. L’invito, nelle scelte per la ‘ripartenza’ anche con un occhio ai fondi europei, arriva da Gaetano Thorel, Direttore Generale di Psa Italia, che all’Adnkronos ricorda come ‘per essere ‘democratica’ la mobilità a zero emissioni deve abbattere tre grandi nodi, il prezzo ovviamente, poi l’autonomia e la ricarica”.
‘Per quanto riguarda prezzo e autonomia queste ‘ spiega – sono questioni in qualche modo già risolte dalle case: infatti se pensiamo a una 208 elettrica acquistata con un noleggio a lungo termine e sommiamo due costi certi, ovvero la rata mensile e il costo dell’energia per fare 1000 km al mese, e li confrontiamo con quelli di una 208 a motore termico, ci accorgiamo che la spesa è la stessa visto che per fare mille chilometri servono circa 110 euro di carburante oppure bastano 50 euro di energia”, con uno ‘sconto’ che va a compensare il costo del noleggio.
‘In alcune situazioni addirittura l’energia non costa, come nel Comune di Milano dove A2A ha una ottima offerta dove si paga un fee mensile di 5 euro e poi si ricarica quanto si vuole. Resta quindi un problema di infrastrutture ovvero della possibilità di ricaricare le vetture elettriche in maniera rapida e soprattutto in maniera capillare”. ‘E su questo punto ‘ conclude Thorel – penso che il legislatore debba fare un grosso sforzo visto che in Italia siamo molto indietro rispetto agli altri Paesi”.