fbpx

Berlusconi: ex pm Monti, ‘contro di lui processo non regolare’

Roma, 6 ago. (Adnkronos) – “Se è vero che la Corte d’Appello di Milano aveva comunicato per tempo via fax alla Cassazione la modifica dei tempi di prescrizione dei reati, e che quel fax si è perso per giorni negli uffici della Cassazione, allora siamo davanti a una violazione del principio fondamentale del giudice naturale. Quella che ha condannato Berlusconi, con quella composizione, non era la sezione che avrebbe dovuto celebrare il processo”. Lo afferma l’ex pubblico ministero David Monti, in un’intervista a ‘Il Giornale’.
“il funzionamento di tutti gli organi giurisdizionali, dai piccoli tribunali fino in Cassazione, è soggetto alle regole tabellari. Che consentono –spiega l’ex magistrato- di predeterminare chi sarà il giudice di un certo processo, impedendo così designazioni a piacimento e abusi, e garantendo così il rispetto del principio costituzionale del giudice naturale. A preoccupare nel processo Berlusconi è proprio la violazione di queste regole. Non è stato un processo regolare”.