Aurora ed Eleonora, le ragazze di Modena che hanno ripulito la spiaggia di Annà dopo i falò di San Lorenzo: “il loro esempio fa tornare sorriso e speranza”

/

Reggio Calabria, il racconto di un lettore dalla spiaggia di Annà

Un lettore di StrettoWeb, Bernardo Femia, ha voluto segnalare alla cittadinanza tramite la nostra Redazione un episodio che raccontiamo volentieri, sposando il messaggio di speranza e positività che quest’episodio trasmette a tutti i cittadini sani e genuini. Di seguito la testimonianza di Bernardo Femia:

Carissimi,
ho la fortuna di soggiornare in estate nei pressi della spiaggia di Annà di Melito Porto Salvo. Questa fortuna, tuttavia, ogni anno, in prossimità della notte di San Lorenzo ed a Ferragosto in particolare, si tramuta in un incubo e non tanto per gli schiamazzi e la musica dei giovani e meno giovani che bivaccano sull’arenile, quanto piuttosto per il disgustoso spettacolo del giorno dopo di rifiuti abbandonati in ordine molto sparso: bottiglie di plastica e di vetro anche rotte, bicchieri, tovaglioli, involucri di cibarie di vario genere.
La giornata, iniziata con commenti da vecchio Catone sulla gioventù, ha preso una piega diversa quando ho visto due giovanissime donne percorrere la spiaggia in lungo ed in largo, busta alle mani, a raccogliere e far sparire quanto e più possibile le prove della diffusa inciviltà.
Aurora ed Eleonora, ho scoperto poi, aggregandomi per un po’ nella sgradevole raccolta, sono originarie di Modena ed il loro esempio mi ha fatto tornare il sorriso e la speranza. Spero, quindi, che il Ferragosto illumini chi vuol ancora poter godere delle nostre bellezze naturali…
Bernardo Femia