fbpx

Serie B: il Crotone esulta e sente profumo di promozione, il Cosenza si è quasi arreso

  • Gettyimages / Nicolò Zangirolami
    Gettyimages / Nicolò Zangirolami
  • Gettyimages / Pier Marco Tacca
    Gettyimages / Pier Marco Tacca
/

Serie B, i risultati della 33ª giornata: il Crotone sbanca 1-3 a Cittadella e si avvicina alla promozione. Tonfo del Cosenza che vede il baratro della Lega Pro, mentre il Trapani ci crede ancora

Si è disputata ieri sera la 34ª giornata del campionato di Serie B, che ha messo in archivio risultati importanti ad ormai poche gare dalla conclusione. Il vero colpo grosso lo ha messo a segno il Crotone, che in trasferta nello scontro diretto col Cittadella si è imposto 1-3. Per i calabresi decisive le reti di Messias (doppietta) e Simy, utili a chiudere la pratica già ad inizio secondo tempo. La squadra del tecnico Giovanni Stroppa adesso vede la linea del traguardo avvicinarsi, ad inseguire soltanto Pordenone e Spezia (rispettivamente a 3 e 5 punti). Decisivo lo scontro diretto di lunedì sera allo stadio Ezio Scida proprio contro i friulani.

Se il Crotone sorride, è davvero depressione invece per il Cosenza. Pesante imbarcata subita in serata dai Lupi, lo Spezia si è imposto addirittura 5-1. “Non avevamo avuto assolutamente sentore che potesse esserci un approccio mentale del genere alla gara. Avevamo messo in conto di poter andare in difficoltà su alcuni loro punti di forza, ma non in questi termini. Fortunatamente c’è una partita tra due giorni, sarà davvero la partita della vita, adesso bisogna vincerle tutte. Bisogna entrare in campo dando il 200%. Per la sconfitta chiedo scusa ai tifosi”, ha spiegato al termine del match l’allenatore Roberto Occhiuzzi. La zona playout è lontana 6 punti, servirà praticamente un miracolo. Miracolo a cui spera invece il Trapani, reduce dall’ennesimo risultato utile consecutivo. Il buon pareggio contro il Chievo Verona avvicina i siciliani alla Juve Stabia, adesso distante 5 lunghezze. Una situazione di classifica molto simile a quella del Cosenza, ma un momento psicologico totalmente diverso avuto alla ripresa del campionato dopo il lockdown che lascia aperta qualche speranza.