fbpx

Reggio Calabria, trovato a Santa Cristina d’Aspromonte un arsenale bellico e munizioni: arrestati madre e figlio

Reggio Calabria, nell’ambito di tale operazione sono stati sottoposti a perquisizione vari terreni ed abitazioni nell’area aspromontana

Mercoledì i Carabinieri della Compagnia di Palmi (RC) e dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” hanno tratto in arresto SCARCELLA Giuseppe cl ’83 e la madre GALLO Anna cl ’60 perché trovati in possesso di numerose armi tra cui un mitragliatore militare da guerra, 3 fucili, 3 pistole e un totale di circa 220 munizioni di vario calibro.

Dalle prime ore di mercoledì i Carabinieri hanno messo in campo una vera task force impegnata in un servizio di contrasto all’illecita detenzione di armi e munizioni che, come da consolidata prassi in uso tra la criminalità operante nell’area aspromontana, vengono abitualmente occultati all’interno di fondi agricoli e abitazioni, per essere poi recuperati al momento del bisogno.

Nell’ambito di tale operazione sono stati sottoposti a perquisizione vari terreni ed abitazioni nell’area aspromontana, tra cui quella degli arrestati, proprietari di vari immobili. In uno di questi, in frazione Lubrichi di Santa Cristina d’Aspromonte, nascosto nel solaio, i militari hanno rinvenuto l’arsenale composto anche da armi solitamente in dotazione agli eserciti della prima e seconda guerra mondiale, in ottimo stato di conservazione e pronti all’uso, tanto che alcune erano con caricatore pieno.

Le armi e le munizioni, recuperati a seguito della mirata operazione coordinata dalla Compagnia Carabinieri di Palmi, sono stati sequestrati e custoditi in attesa degli ulteriori accertamenti del caso.