fbpx

Reggio Calabria, i portatori della vara saranno volontari del “servizio d’ordine” al Duomo per Festa di Madonna: “il nostro cuore, infinitamente triste, sanguina amaramente”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Reggio Calabria, Festa di Madonna: l’inconsueto servizio dei Portatori della Vara

“Il cuore, infinitamente triste, sanguina amaramente. La ragione ed il buon senso, tuttavia, unitamente, condividono con infinita convinzione la scelta, dolorosa e complicata assunta dalle Autorità Religiose e Civili, di riformulare, causa coronavirus, le celebrazioni mariane settembrine”.  Lo afferma in una nota Gaetano Surace Presidente dell’Associazione Portatori della Vara “Madonna della Consolazione”.

“Appare, ovviamente strano, a noi portatori, perché è la prima volta nella storia di questa plurisecolare tradizione che al secondo sabato settembrino e all’imbrunire del successivo martedì, che ogni Reggino non possa incrociare, lungo le strade e tra le case della quotidianità cittadina, il materno volto dell’Avvocata Consolatrice.

Ma ripeto, la ragione ed il buon senso, assorbono la tristezza e ci convincono a condividere la scelta e riformulare il nostro tradizionale servizio alla Vara con quanto richiestoci. Così i portatori, con gioia daranno il loro contributo come richiesto del Padre Arcivescovo Mons. Giuseppe Fiorini Morosini: nei giorni tradizionalmente dedicati ai festeggiamenti mariani, saranno volontari del servizio d’ordine in Cattedrale.

Ciascuno di noi vivrà il servizio in Cattedrale con la stessa intensità, con l’identica emozione con cui porta, sulla spalla, la Stanga. Poiché, questo è il servizio che la nostra Mamma (così come la chiamava il compianto decano dei portatori Giovanni Gangeri) ci richiede in quest’anno particolarmente gravoso per l’ancora viva e silente pandemia.

Una delle prerogative di noi portatori Vara consiste nell’essere al servizio della Chiesa reggina e di ciascun uomo che il Signore pone sulla nostra strada, nell’esempio di Maria la Consolatrice.”.

Ecco perché, nell’impossibilità, in questo pandemico 2020, di vivere le tradizionali processioni, i portatori si adopereranno, sotto la guida dei loro Assistenti: Don Gianni Licastro e Don Nino Iannò, affinché, con il proprio contributo, tutto quanto programmato per le celebrazioni religiose si svolga  in modo consono per onorare la Patrona della Città.

Ed ecco, perché, i portatori della Vara, saranno al servizio dei Frati Cappuccini, per tutto il tradizionale settenario a partire da sera del 5 settembre. E nel primo giorno, sul colle eremitico, in onore di Maria Santissima Madre della Consolazione, offriranno con serenità e gratitudine il cero alla Madonna: lo faranno durante la Solenne Concelebrazione Eucaristica che presiederà Mons. Salvatore Nunnari, e nella stessa serata, l’Associazione premierà i portatori che han raggiunto il 40° anno di servizio alla Vara.

Reggio Calabria, ecco come sarà la Festa di Madonna ai tempi del Coronavirus: “sposteremo il quadro dall’Eremo al Duomo di notte, in un orario sconosciuto”. Salta anche la processione del martedì: il PROGRAMMA completo