fbpx

I Moti di Reggio, 50 anni dopo: presentato il libro “1970: boia chi molla… a sedici anni!” [FOTO e VIDEO]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

I Moti di Reggio, 50 anni dopo: presentato il libro “1970: boia chi molla… a sedici anni!” di Enzo Rogolino, le immagini

Sabato 18, le associazioni Stanza101, NFP e CasaPound, insieme hanno celebrato il cinquantesimo anniversario della Rivolta di Reggio presentando il libro “1970: boia chi molla… a sedici anni!” di Enzo Rogolino. In questo libro, Rogolino racconta la sua esperienza da ragazzino fra le barricate e lo fa con accompagnando ricordi con tutta una serie di documenti che arricchiscono il suo libro. Alla manifestazione sono intervenuti personaggi che quella Rivolta l’hanno fatta davvero insieme a Rogolino: il senatore Renato Meduri (che ha curato anche la premessa del libro), Carlo Colella, Nino Bonforte, Totò Putortì e Totò Vacalebre. Si è voluto concedere la platea a degli Uomini che hanno fatto la Rivolta di Reggio, giovanissimi allora adulti oggi, eppure nelle loro parole, nei loro sguardi, nelle emozioni rappresentate si scorge sempre la stessa forza e lo stesso spirito. Si è voluto dare parola a quelli che dopo mezzo secolo amano ancora la piazza, le bandiere, i simboli e le parole che testimoniano una militanza che non è semplicemente “politica” ma è un vissuto sempre e soltanto nel voler rappresentare la propria Terra nei Valori. I protagonisti della Rivolta del ’70, al fianco nostro per suggellare questa continuità umana, ideale e generazionale. Tanti anziani, molti adulti, tantissimi giovani a testimoniare un sentire che accomuna, un anelito sul riscatto di giustizia sociale e di emancipazione culturale a cui Reggio Calabria ha diritto e ciascuno di noi ha il dovere di lottare perché questo possa realizzarsi. Oggi, dopo anni di degrado sociale economico diffuso, la nostra città può ribellarsi e cercare di cambiare rotta con vele al vento. Ma bisogna difendere una visione che non deve e non può essere asservita agli interessi di chi pratica politicamente per perseguire strategie personali ed interessi di parte. Dinamiche, queste, che purtroppo è troppo spesso non hanno colore politico, ma riescono ad insinuarsi e determinare scelte e destini. Si è voluto essere a Sbarre, un luogo simbolo delle barricate del ’70, proprio a rimarcare la necessità di alzare ancora una volta barricate, non armate e belligeranti ma di #identità e di solidarietà, aggregando Uomini e Donne uniti nell’intento irrinunciabile di difendere la Patria, il luogo dove vive la Memoria, il presente e l’aspirazione ad un Futuro: la nostra terra, la bella Reggio. I giovanissimi hanno voluto concludere la serata con delle fiamme colorate si rosso, tenute alte da tanti, avvolgendo nei fumi l’atmosfera di una serata piena di forza e di passione animata da un solo pensiero un solo giuramento di lotta un solo grido: Boia chi molla.

Reggio Calabria: la presentazione del libro “1970: Boia chi Molla… a 16 anni”, le parole di Vincenzo Rogolino [VIDEO]