fbpx

Messina: il Comune avvia corso di formazione per Ispettore Ambientale Comunale

ispettori ambientali volontari

Messina. Corso di formazione per Ispettore Ambientale Comunale: le istanze andranno presentate entro e non oltre le ore 12 di domenica 12 luglio

È in pubblicazione all’Albo Pretorio del Comune l’avviso di manifestazione di interesse per la partecipazione al corso di formazione per Ispettore Ambientale Comunale volontario per i servizi di vigilanza ambientale sul territorio, secondo quanto disposto, con deliberazione di Consiglio Comunale n. 71/C del 19 febbraio scorso con cui è stato approvato il “Regolamento Comunale per l’istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale Volontario”.

L’incarico di Ispettore Ambientale Comunale Volontario è attribuito con decreto del Sindaco, a seguito di corso di formazione della durata di 20 ore, organizzato dal Comune, anche eventualmente in collaborazione con il Soggetto Gestore e con la Polizia Locale, in programma martedì 14, mercoledì 15, giovedì 16 e venerdì 17 luglio.

I soggetti che aspirano a diventare Ispettori Ambientali Comunali Volontari sono individuati tra gli iscritti alle Organizzazioni di Volontariato che operano nel territorio del Comune di Messina con finalità di tutela ambientale, ai sensi dell’art. 5 comma 1 lett. e) e f) del D.Lgs. 117/2017, che avranno sottoscritto l’apposita Convenzione con il Comune di Messina, di cui all’articolo 15 del Regolamento e dovranno conseguire un attestato di idoneità all’esercizio delle relative funzioni rilasciato dall’apposita Commissione Comunale.

Il Comune di Messina, con il presente avviso pubblico, nel rispetto del principio di sussidiarietà orizzontale, richiede la manifestazione di interesse a sottoscrivere apposite convenzioni, da parte di una o più Organizzazioni di Volontariato che svolgano attività di tutela ambientale ai sensi dell’art. 5 comma 1 lett. e) e f) del D.Lgs. 117/2017, riconosciute ai sensi delle vigenti disposizioni normativo – regolamentari e presenti sul territorio comunale. Le Associazioni di volontariato, che possiedono tali requisiti, produrranno istanza di manifestazione di interesse a stipulare Convenzione con il Comune, con le modalità e nei termini sotto indicati: Istanza di manifestazione di interesse dell’Associazione corredata da un elenco delle persone facenti parte della medesima Associazione, interessate a ricoprire il ruolo di Ispettore Ambientale Comunale Volontario; istanza compilata da ciascun interessato alla partecipazione al corso di formazione di Ispettore Ambientale; documento di riconoscimento del rappresentante legale dell’Associazione e di ciascun partecipante.

Le istanze dovranno essere compilate secondo i moduli allegati al presente avviso e reperibili sul sito istituzionale del comune di Messina, o ritirabili all’Urp di Palazzo Zanca; dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12 di domenica 12 luglio.
Le modalità di presentazione sono consegna a mano al protocollo generale della sede del Comune di Messina – Palazzo Zanca –Piazza Unione Europea – 98122 Messina; spedizione allo stesso indirizzo con lettera raccomandata con avviso di ricevuta, con specificazione sul retro della busta dell’indicazione “Istanza per corso di Ispettore Ambientale Comunale Volontario”; invio tramite posta elettronica certificata all’indirizzo P.E.C.: protocollo@pec.comune.messina.it, indicando in oggetto la dicitura: “Istanza per corso di Ispettore Ambientale Comunale Volontario”, entro il termine su indicato.

L’Ispettore Ambientale Comunale Volontario si identifica in un soggetto qualificato come incaricato di Pubblico Servizio per lo svolgimento delle attività di vigilanza e controllo del regolare conferimento dei RSU ed assimilati nel rispetto delle norme comunali vigenti in materia, con la finalità di supportare nelle azioni di controllo del servizio gli organi competenti, attraverso la segnalazione delle eventuali violazioni riscontrate; di controllo dello stato dell’igiene ambientale per quanto concerne la gestione rifiuti; di vigilanza e controllo sulla tutela del patrimonio dei beni strumentali alla gestione dei servizi ambientali (cassonetti RSU, contenitori carrellati e/o mastelli della differenziata, Centri Comunali di Raccolta, ecc..); di rilevazione ai fini della valutazione sull’indice di gradimento del servizio da parte degli utenti; di controllo di eventuali concentrazioni di rifiuti che richiedano interventi supplementari da parte dell’ente gestore del servizio; di informazione ai cittadini ed alle imprese sui corretto conferimento dei rifiuti e sul servizio di raccolta differenziata definito dal Comune e offerto dal gestore.

Il servizio di Vigilanza Volontaria Ambientale è esteso esclusivamente all’intero territorio comunale, con espletamento a carattere volontario e gratuito.