fbpx

‘Hijab, il velo e la libertà’, Butera e Ciavardini contro ogni pregiudizio culturale

Palermo, 16 lug. (Adnkronos) – Perché ci sono donne, nel mondo islamico, che indossano il velo con orgoglio? Perché altre lo ritengono una prigione? Il libro ‘Hijab, il velo e la libertà’ (Castelvecchi editore) di Giorgia Butera e Tiziana Ciavardini, che esce oggi, stigmatizza ogni pregiudizio culturale che vede nella donna con indosso l’hijab una donna sottomessa. “Molte musulmane velate, infatti, sono donne emancipate e con un’alta considerazione di se stesse. Icone del softpower- dicono le autrici – Mentre invitano alla libera scelta, le autrici portano avanti anche la battaglia delle donne iraniane e di tutte quelle che lottano contro i soprusi e il velo come imposizione. Attraverso il racconto personale e le esperienze in prima persona di alcune donne islamiche e non, favorevoli o contrarie al velo, questo libro contribuisce alla conoscenza variegata del mondo musulmano, delle sue culture e delle sue tradizioni”.
Nei giorni scorsi anche Silvia Romano, la cooperante rapita e liberata di recente, che nel frattempo si è convertita all’islam, ha spiegato in una intervista la sua scelta di indossare il velo islamico: “Il concetto di libertà è soggettivo e per questo è relativo. Per molti la libertà per la donna è sinonimo di mostrare le forme che ha; nemmeno di vestirsi come vuole, ma come qualcuno desidera. Io pensavo di essere libera prima, ma subivo un’imposizione da parte della società e questo si è rivelato nel momento in cui sono apparsa vestita diversamente e sono stata fatta oggetto di attacchi ed offese molto pesanti – ha detto – C’è qualcosa di molto sbagliato se l’unico ambito di libertà della donna sta nello scoprire il proprio corpo. Per me il mio velo è un simbolo di libertà, perché sento dentro che Dio mi chiede di indossare il velo per elevare la mia dignità e il mio onore, perché coprendo il mio corpo so che una persona potrà vedere la mia anima. Per me la libertà è non venire mercificata, non venire considerata un oggetto sessuale”.