fbpx

Comandante Vigili fuoco Palermo: “Abbiamo lavorato ininterrottamente per 42 ore”

Palermo, 17 lug. (Adnkronos) – “I nostri uomini hanno lavorato, a testa bassa, ininterrottamente per più di 42 ore, è stato un lavoraccio. Eravamo in apnea. L’acqua che ha allagato il sottopasso alla Circonvallazione ha sfiorato i 4 metri e mezzo di altezza. Ora la situazione è tornata alla normalità. Ce l’abbiamo fatta”. Agatino Carrolo, il Comandante dei Vigili del fuoco di Palermo, è ancora sul posto, nel sottopasso di Palermo, dove è arrivato nel pomeriggio di mercoledì con i mezzi anfibi appena subito dopo la bomba d’acqua che si è abbattuta sulla città, creando panico, danni e disagi. Centinaia gli automobilisti rimasti intrappolati nell’acqua. Finalmente può tirare un sospiro di sollievo.
Molti hanno iniziato a nuotare nel fango per riuscire a raggiungere la salvezza. Bambini che gridavano, altri piccoli che venivano tirati su dal cavalcavia, grazie a una catena umana. Sono passate poco meno di 48 ore e sembra un’eternità. Oltre 130 vigili del fuoco non si sono mai fermati, con l’aiuto dell’Esercito e della Protezione civile, hanno lavorato allo svuotamento del sottopasso. Solo poco prima delle 14 l’acqua è stata eliminata del tutto.