fbpx

Turismo, la Grecia chiude agli italiani. Sofo sponsorizza il Sud: “in casa abbiamo la Magna Grecia, aiutiamo hotel e musei ad accogliere in sicurezza”

La Grecia chiude ai turisti italiani, ma per Sofo non è un problema: in Italia c’è la Magna Grecia, ecco la soluzione per incentivare il Sud

Dal 3 giugno l’Italia apre le proprie frontiere a chi proviene dai Paesi dell’area Schengen. Niente quarantena e niente autocertificazioni. Molte nazioni si stanno muovendo nella stessa direzione, ha però scatenato polemica la scelta della Grecia, che dal 15 giugno riaprirà agli stranieri di 29 Paesi (compresi i neozelandesi) ma non agli italiani. Non trova l’aspetto negativo Vincenzo Sofo, giovane esponente della Lega, che piuttosto sponsorizza il Sud Italia, cioè quella che in tempi antichi era conosciuta come Magna Grecia ed oggi conserva ancora tutte le ricchezze di quell’epoca. “La GRECIA ci sta facendo un favore perché non sta disincentivando i greci a venire da noi bensì il contrario – spiega Sofo con un post su Facebook. E siccome i flussi di persone che si spostano dall’Italia alla penisola ellenica sono flussi turistici, invece che incazzarci dovremmo ringraziarli perché – in un momento in cui la creazione dei corridoi turistici rischia di sottrarci turismo internazionale facendoci perdere decine di miliardi di euro – grazie a decisioni come quella della Grecia possiamo compensare trattenendo nel nostro paese i turisti italiani. Piuttosto che lamentarci, dovremmo attrezzarci per offrire ai nostri italiani che sognavano le bellezze greche un’alternativa altrettando valida che abbiamo in casa: la nostra Grecia, la MAGNA GRECIA”.

La soluzione è bella e pronta: “Attrezziamo IL NOSTRO SUD – continua Sofo – , potenziamone i controlli sanitari e i collegamenti, aiutiamo hotel bar ristoranti lidi musei ecc. a mettersi in condizione di accogliere in sicurezza. E proponiamo agli italiani la scoperta di un patrimonio storico e culturale eccezionale”. Taranto, Reggio Calabria, Siracusa sono soltanto alcune delle tantissime mete turistiche ricche di fascino ellenico. Musei, monumenti, reperti ma anche panorami stupendi e una conformazione territoriale molto simile a quella della penisola greca. Quindi, perché lamentarsi di non poter andare per un anno all’estero, quando piuttosto c’è la possibilità di rilanciare e incentivare il turismo nella propria terra?