fbpx

Sicilia, trasporto aereo e collegamenti interni: Musumeci incontra i ministri De Micheli e Provenzano

Trasporto aereo

Musumeci a confronto con ministri delle infrastrutture e del Sud: “La condizione della mobilità e delle nostre strade è davvero insostenibile e non più rinviabile”

Nella giornata di ieri il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci, accompagnato dall’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone, ha incontrato a Roma i ministri delle infrastrutture Paola De Micheli, e del Sud, Giuseppe Provenzano. Tema dell’incontro i collegamenti aerei da e per la Sicilia, e in generale la situazione dei trasporti e delle infrastrutture dell’isola.

Già lo scorso 9 giugno, a seguito della comunicazione da parte di Alitalia di cancellare alcune tratte da e per l’aeroporto di Trapani, il Governatore aveva annunciato la sua intenzione di affrontare il tema dei collegamenti della Sicilia con il resto d’Italia ai più alti livelli istituzionali. Recentissimo anche il dibattito sullo stato di salute precario della rete stradale interna alla Sicilia da cui si è sviluppata la richiesta di danni d’immagine da parte della Regione nei confronti dell’Anas.

Nel corso della riunione, che si è protratta per circa un’ora, è stato deciso che la prossima settimana si terrà un incontro al ministero con le compagnie aeree minori, e al quale parteciperà anche l’Enac, per discutere esclusivamente dei collegamenti con l’Isola.
Entro 15 giorni, verrà costituito, inoltre, un Tavolo permanente sulle infrastrutture strategiche siciliane, così come richiesto dal governo Musumeci con una delibera di giunta.

Altro tema affrontato quello della manutenzione delle strade secondarie. Nei prossimi giorni, la Regione trasmetterà al ministero il Piano della viabilità provinciale, per la nomina di un commissario e con dotazione finanziaria di oltre mezzo miliardo di euro tra Fondi regionali e statali.

È solo un primo passo – sottolinea il governatore Nello Musumeci – ho detto con chiarezza alla ministra che la condizione della mobilità e delle nostre strade è davvero insostenibile e non più rinviabile. Ho colto interesse e disponibilità. Vedremo nelle prossime settimane”.