fbpx

Serie C, nuove ipotesi per playoff e playout: i dubbi sul Consiglio Federale dell’8 giugno

gravina ghirelli Gettyimages

Serie C, nuovo format per playoff e playout. Il presidente del Bisceglie alza la voce contro Ghirelli: “se non convoca l’assemblea, farò ricorso al Collegio di Garanzia”

“Il Comitato di Presidenza tenutosi oggi in FIGC sta pensando a non disputare le gare playoff degli ultimi turni con la classica formula di andata e ritorno ma di uniformare tutti gli spareggi promozione, giocando solamente una sfida, come già accade nei primi turni playoff”. A riportarlo sono i colleghi di TuttoC, che spiegano come l’ipotesi potrebbe aiutare i club di Lega Pro a terminare in anticipo la stagione. Una gara secca al posto di sfide sui 180 minuti. Il Comitato di Presidenza tenutosi oggi in FIGC inoltre ha affrontato l’argomento playout di Serie C. L’idea “sarebbe quella di evitare retrocessioni dirette, inserendo le ultime classificate dei tre gironi ai playout e salvando direttamente le quintultime. Tra le quattro partecipanti ai playout di ogni girone, però, otterrebbe la salvezza solo una, con semifinali e finale “a eliminazione”. Per intenderci: l’ultima affronterebbe la quartultima mentre la penultima se la vedrebbe contro la terzultima. Le due squadre sconfitte andrebbero direttamente in Serie D mentre le due vincenti si affronterebbero in finale. La vincente di quest’ultimo match rimarrebbe in Lega Pro condannando alla retrocessione la perdente. Il tutto, ovviamente, tenendo conto della classifica e permettendo ai club meglio classificati di avere due risultati su tre per salvarsi”. Al momento si tratta di due semplici idee, per cercare di creare meno dissenso possibile, ma niente è stato ancora deciso.

Stando a queste indiscrezioni e visti i continui cambi di programma, a questo punto non è da escludere che dal Consiglio Federale dell’8 giugno le decisioni sulla Serie C potrebbero essere rinviate. Il tempo però stringe perché è necessario ricordare che il termine massimo per portare a termine i campionati scade il 20 agosto. La situazione mette ancora più in fibrillazione i tifosi della Reggina, che dalla riunione di lunedì prossimo aspettano piuttosto risposte concrete.

Serie C, pres. Bisceglie: “Ghirelli sta andando incontro a seri provvedimenti”

A conferma del fatto che il Consiglio Federale potrebbe rinviare ogni decisione sulla Serie C, richiamano l’attenzione le parole dure di Nicola Canonico nei confronti di Francesco Ghirelli, pronunciate ai microfoni di Antenna Sud. Il patron del Bisceglie attacca il presidente della Lega Pro: “Ghirelli ha sette giorni per convocare l’assemblea. Se rifiuta, deve comunicare il suo non interesse alle società. Finora lui non lo ha fatto. Ci ha inviato una lettera nella quale ci chiedeva prima un incontro informale fissato per il giorno 7 – e francamente questo era offensivo nei nostri confronti – e poi una convocazione per un’assemblea completa successiva al giorno 8, data del Consiglio Federale. Il nostro gradimento era chiaramente differente. Il Presidente ha due strade: o quella di non convocare l’assemblea o quella di farlo entro sette giorni – riporta tuttocalciopuglia.com –. Nel primo caso dovrebbe motivare la sua scelta e noi poi potremmo presentare ricorso al Collegio di Garanzia. E’ una situazione imbarazzante anche per il Consiglio Federale perché un atto di indirizzo di un’intera assemblea è ben diverso da uno di un Consiglio Direttivo, fatto di persone che prima bloccano i campionati e poi si dicono disposti a disputare i playoff”. Il numero uno del club nerazzurro dice la sua sulle scelte del prossimo Consiglio Federale in programma, ipotizzando un provvedimento: “potrebbe affrontare i temi di Serie A, Serie B e Serie D e posticipare a un altro Consiglio Federale il concetto della C. I tempi, però, sono stretti perché abbiamo il limite del 20 agosto entro il quale i campionati vanno completati. Il mio rammarico è legato al fatto che Ghirelli continua a giocare con le lettere senza badare alla forma e alla correttezza giuridica. Sta andando incontro a seri provvedimenti”.