fbpx

Messina, dal 1 luglio la riapertura del Museo: tutti i dettagli su costi e orari

Messina. Dal 1 luglio riapre il MuMe, oltre alle consuete attività espositive verrà inaugurata anche un’arena esterna per proiezioni cinematografiche

Dopo la chiusura determinata dall’emergenza coronavirus il 1 luglio riaprirà il MuMe, il Museo regionale interdisciplinare di Messina. Riapertura attesa a lungo anche a causa dei tempi necessari a consentire la sanificazione dei circuiti di aria condizionata e di tutti gli ambienti e le aree esterne.

Oltre a consentire nuovamente la fruizione della consueta collezione che include, tra le altre, opere di Antonello da Messina e Michelangelo Merisi da Caravaggio, la riapertura consentirà l’avvio di attività il cui obiettivo è quello di consolidare la centralità del Museo per la vita culturale dei messinesi e dei turisti.
È infatti in programma l’organizzazione di eventi e manifestazioni espositive temporanee all’interno e all’esterno delle sale e, sul piazzale est sarà allestita un’arena (dotata di 160 posti, nel rispetto delle disposizioni anti-Covid) per proiezioni cinematografiche dove, dal 1 luglio al 31 agosto, ogni giovedì, venerdì, sabato e domenica, saranno proiettati film dell’ultima stagione cinematografica, mentre il lunedì saranno proiettati lungometraggi e cortometraggi della cineteca storica di Sicilia.
Sempre dal 1 luglio al 31 agosto, tutti i martedì e mercoledì, lo stesso spazio sarà messo a disposizione di chi ne farà richiesta per supportare e contribuire alla ripresa dei settori della recitazione, della musica, della danza e delle altre attività culturali che sono rimaste duramente colpite dal lockdown.

Per quanto riguarda le attività più tradizionali, invece, la visita del Museo, con ingresso a pagamento (€ 8 intero, € 4 ridotto), sarà possibile dal martedì al sabato dalle 9.30 alle 15 e dalle 16 alle 21. Domenica dalle 16 alle 21 con possibilità straordinaria di prenotazione anche in prolungamento.
Al fine di consentire il rispetto delle prescrizioni previste dal contenimento dell’emergenza Covid ed evitare assembramenti, dalla prossima settimana sarà inoltre possibile effettuare la prenotazione on-line attraverso l’App Youline, al sito https://youline.eu/laculturariparte.html.

I luoghi della cultura sempre più devono diventare i nostri luoghi dell’anima. Se qualcosa la conosci e ti è familiare – dichiara l’Assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – la proteggi e te ne prendi cura. Aprirsi al pubblico, creare occasioni di frequentazione degli spazi culturali, far dialogare tra loro le diverse forme d’arte, è la direzione che sto cercando di imprimere, attraverso la mia presenza, alle strutture che fanno riferimento all’assessorato dei Beni culturali. Nei mesi di luglio e agosto, infatti, la programmazione messa in campo dalla direzione del Museo prevede numerose iniziative. Tra queste anche la presenza di opere della BIAS la Biennale Internazionale di Arte Sacra che è presente in Sicilia con numerose installazioni tra cui alcune ospitate all’interno del Museo Lilibeo e della Fondazione Orestiadi di Gibellina. Ma non è tutto – continua l’Assessore Samonà – in questo periodo di difficoltà determinato dalle norme restrittive anti-Covid, attraverso il MuMe abbiamo voluto aprire alle compagnie di teatro e musica con un avviso pubblico che ha reso gratuitamente disponibili gli spazi esterni per la realizzazione di spettacoli e attività di intrattenimento”.