fbpx

Reggio Calabria, accolta la richiesta di arretramento delle strisce di arresto in corrispondenza dell’incrocio semaforizzato di Pellaro

/

Reggio Calabria, la nota di Vincenzo Crea Referente unico dell’ANCADIC e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”

“Con richiesta d’intervento dello scorso mese di novembre diretta all’ANAS e al Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria avevamo rappresentato l’inaccettabile, diciamo inaccettabile per non dire pericolosa, segnaletica orizzontale sulla SS106, in corrispondenza dell’incrocio semaforizzato di Pellaro (km 11+800) in cui si rilevava che sulle corsie della stessa strada principale le strisce di arresto erano state tracciate a circa un metro oltre la posizione del semaforo. In questi giorni si è provveduto all’arretramento delle strisce di arresto”. Lo afferma in una nota Vincenzo Crea Referente unico dell’ANCADIC e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”.