fbpx

Reggio Calabria, Tuccio dopo l’inchiesta Comune-Avr: “in città democrazia scippata nel 2012, elezioni dell’autunno unica arma dei reggini per un futuro di civiltà”

luigi tuccio

Reggio Calabria, Tuccio: “facciano tesoro i reggini di quanto occorso nella nostra città negli ultimi dieci anni; da quando la democrazia è stata scippata in virtù di un gioco di prestigio politico nelle mani di abili registi, intorno ai quali si è agevolmente creato il consenso che ha determinato l’attuale amministrazione”

“Ne uccide più la penna che la spada è aforisma assai antico, in ragione del quale è davvero forte la tentazione di scrivere per vendicare i torti subiti, godendo delle disgrazie altrui…..ma l’amore per la città ed i valori ricevuti jure ereditario, ci impongono di ragionare in chiave positiva e pensare a quello che sarà il nostro futuro. Il tanto declamato TUEL, ossia la normativa che disciplina gli enti locali, imporrebbe alla prefettura l’avvio di un procedimento ispettivo finalizzato ad accertare l’eventuale infiltrazione mafiosa e quindi avviare la procedura che condurrebbe allo scioglimento del consiglio comunale“, è quanto scrive in una nota Luigi Tuccio. “Si tratta – prosegue- di un atto di alta amministrazione, caratterizzato da un’ampia discrezionalità del Prefetto, finalizzato ad accertare una possibile soggezione degli amministratori locali alla criminalità organizzata, dal quale prende inizio l’iter per lo scioglimento del consiglio comunale per infiltrazione mafiosa. Ci troviamo, infatti, di fronte a tipiche fattispecie – e non solo ragioni di opportunità – che indurrebbero di accertare l’eventuale presenza mafiosa a Palazzo San Giorgio. E’ innegabile, a tal proposito, che il Sindaco sia cognato di un soggetto indagato per reati associativi, che Vicesindaco e fedelissimi consiglieri comunali ipervotati si trovino oggi indagati, in una vicenda di spazzatura politica, addirittura dalla direzione distrettuale antimafia, in compagnia di alcuni soggetti, questi ultimi indagati per associazione mafiosa. Sono, tuttavia, convinto, alla luce delle trascorse esperienze politico amministrative – tanto cavalcate dagli odierni amministratori – che il peggior consiglio comunale ed il peggior sindaco siano molto più produttivi ed efficienti del miglior commissario prefettizio. Ed i fatti reggini parlano da soli, cosi come le drammatiche condizioni in cui versa la città. Non credo, pertanto, che l’ intervento della prefettura – seppur dovuto ed auspicato – sia la panacea dei mali reggini, stante anche la ristrettezza cronologiche con le imminenti elezioni. amministrative”.

“Facciano, però, tesoro i reggini – aggiunge- di quanto occorso nella nostra città negli ultimi dieci anni; da quando cioè, ai tempi della giunta Arena, la democrazia è stata scippata in virtù di un gioco di prestigio politico nelle mani di abili registi, oggi pienamente coinvolti nell’affair Palamara, intorno ai quali si è agevolmente creato il consenso che ha determinato l’attuale amministrazione. E’, però, anche vero che le vicende giudiziarie che hanno caratterizzato recenti acquisti di politici di centrodestra e la discussa tenuta etica morale di altri rappresentanti, inducono ad avere poca fiducia nei tradizionali partiti politici, ormai totalmente sommersi dalla logica dei grandi numeri e rappresentati da chi nulla ha a che vedere con la storia reggina! Una storia fatta di amore, passione, dolore e sacrificio che certamente non può essere inventata con magliette e mascherine colorate. Tuttavia, ben vengano movimenti di opinioni, presenze di nuovi candidati e liste civiche che si distinguano per competenze professionali, garbo personale, storia familiare e rappresentatività sociale, al fine di arricchire la dialettica politica e la partecipazione democratica cittadina. Ciò a prescindere dall’ormai obsoleta dicotomia destra sinistra ed in ragione di componenti valoriali, sulle quali affidare la speranza della nostra città. Dunque: armatevi (di matita) reggini! e sappiate dare dignità e concretezza alle vostre scelte politiche, qualsivoglia esse siano; ma ricordate che sarà nel chiuso della cabina elettorale che avrete l’unica arma nelle vostre mani per ridare speranza alla nostra città, nell’auspicio che la politica sappia individuare una figura carismatica ed integerrima che abbia la libertà e la capacità di ricondurre Reggio verso un neoumanesimo che la ponga a centro geopolitico del mediterraneo e ponga l’avvio verso una nuova civiltà che da meridione sia propulsiva per tutta la Nazione”, conclude la nota.

Dal vice Sindaco Neri all’Assessore Muraca, da Castorina a Quartuccio: i fedelissimi di Falcomatà indagati con accuse gravissime: tutti i NOMI dell’Operazione Helios