fbpx

Reggio Calabria, Falcomatà sulla festa per la Reggina: “non doveva andare così, tifosi hanno tradito la fiducia che gli avevamo dato. Comune non ha responsabilità, Questura e Prefettura hanno dato l’ok agli Ultras”

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb/Salvatore Dato
/

Il sindaco Falcomatà ha deciso di affrontare la situazione dei festeggiamenti dei tifosi della Reggina dopo la promozione nel campionato di Serie B

Continuano le polemiche dopo i festeggiamenti per la promozione in Serie B della Reggina, andati in scena nella serata di ieri all’Arena dello Stretto. I tifosi amaranto si sono dati appuntamento per rendere omaggio alla squadra, migliaia i supporter presenti tra cori, fumogeni e fuochi d’artificio. Oggi è arrivata la reazione del sindaco Falcomatà, attraverso una diretta su Facebook.

“Non doveva andare così, non erano queste le condizioni di partenza. Il Questore mi ha chiamato per informarmi che c’era stato un incontro con la tifoseria organizzata, i festeggiamenti prevedevano soltanto attività senza assembramento, con dei fumogeni per una durata di 30 minuti. Non ci è stato detto che sarebbe degenerato in questo modo. Rispetto al controllo delle misure anti-Covid, i comuni non hanno poteri e responsabilità, i sindaci hanno il compito di fare informazione. Ieri non doveva andare così, non erano queste le condizioni iniziali. Purtroppo le interlocuzioni che i vertici della Questura e della Prefettura hanno avuto con la tifoseria organizzata non hanno rispettato quelle che erano le condizioni di partenza che hanno consentito alla Questura di dare l’ok per la manifestazione”.

“Io non ho detto nulla sui festeggiamenti di lunedì scorso, la situazione è poi degenerata dopo l’arrivo dei calciatori. Bisogna essere comprensivi, ma anche responsabili. Non dobbiamo dimenticarci i sacrifici della Fase 1. E’ vero che da diverse settimane abbiamo zero casi, al massimo uno, ma è anche vero che se non si trova il vaccino il virus è tutt’altro che debellato. O ci mettiamo in testa che queste situazioni vanno evitate o saremo costretti a farle evitare noi. Si è data una prova di fiducia ed è stata tradita. Non solo nei confronti delle istituzioni, ma di noi stessi. Le immagini di ieri sono poco edificanti. Ho capito i festeggiamenti di lunedì, quello che è successo ieri sera non è accettabile. Diamoci una regolata o ne pagheremo le conseguenze”. In alto la FOTOGALLERY con tutte le immagini della serata.

Calciomercato Reggina: “Menez al 90%, gli amaranto prenotano anche il secondo colpo”

Reggina, il punto sulla rosa: regole Under e Over, prestiti, scadenze contratti e scelte in vista della B