fbpx

Reggio Calabria, assolti e scarcerati due giovani extracomunitari arrestati per una rapina in centro città [NOMI e DETTAGLI]

Reggio Calabria, assolti e scarcerati due giovani africani accusati di rapina in centro città: i dettagli

Il Tribunale di Reggio Calabria ha assolto il 22enne originario della Guinea Mohamed Bashir Diallo (difeso dagli avvocati Demetrio e Mariateresa Pratticò) e il 28enne ivoriano Sangare Bangali (difeso dall’avvocato Teresa Famà), dall’accusa del reato di rapina.  I due giovani extracomunitari erano stati arrestati dai Carabinieri per una rapina subita da un uomo di 48 anni in una notte del settembre scorso. La vittima si trovava nei pressi di un esercizio commerciale di distributori automatici del centro storico di Reggio Calabria, quando due malviventi, dopo averlo seguito per un breve tratto, lo aggredirono alle spalle, malmenandolo, per derubarlo del telefono cellulare e di alcune banconote, procurandogli così fratture ossee e lesioni ritenute guaribili in 25 giorni. Fondamentali per gli esiti investigativi erano stati i filmati acquisiti dal sistema di videosorveglianza posto nelle vicinanze del luogo dove si erano consumati i fatti, oltre alla conoscenza diretta da parte dei militari, dei soggetti tratti in arresto, in particolare di Sangare Bangali, già noto alle forze dell’ordine.

Gli inquirenti avevano evidenzito, inoltre, la fiducia riposta dalla vittima nelle istituzioni e la sua collaborazione nell’individuazione degli arrestati. Durante il processo, che si è celebrato innanzi al Tribunale in composizione Collegiale, sono state sentite sia la vittima che gli operanti. All’esito dell’istruttoria la Pubblica accusa ha chiesto, per entrambi gli imputati, che venisse riconosciuto il reato di rapina e le lesioni contestate ai due. Il Pm aveva chiesto 6 anni di reclusione. I difensori, hanno argomentato, invece, per l’insussistenza dei reati contestati.

Il Tribunale accogliendo le richieste dei difensori, ha assolto gli imputati dal reato di rapina, condannandoli alla pena di mesi 9 per il reato di lesioni.
I due imputati sono stati entrambi scarcerati.