fbpx

Messina, Vento dello Stretto all’Amministrazione Comunale: “i percettori di Reddito di Cittadinanza svolgano lavori socialmente utili”

Messina, Vento dello Stretto all’Amministrazione Comunale: “riteniamo doveroso che i percettori del reddito di cittadinanza, nell’attesa di trovare una occupazione, diano il loro contributo alla comunità”

Gli avv.ti Piero Adamo e Dario Carbone, nella qualità di Presidente e Vice Presidente dell’associazione portatrice di interessi diffusi “Vento dello Stretto” hanno richiesto all’Amministrazione Comunale ed al Centro per l’Impiego di Messina, di chiarire lo stato di avanzamento nella predisposizione dei “PUC – Progetti Utili alla Collettività” che permetteranno ai percettori del Reddito di Cittadinanza residenti nel Comune di Messina di poter svolgere lavori socialmente utili. “La legge sul reddito di cittadinanza ha stabilito che il beneficiario di tale provvidenza è tenuto ad offrire la propria disponibilità per la partecipazione a progetti a titolarità dei Comuni, utili alla collettività, mettendo a disposizione un numero di ore non inferiori a 8 ore settimanali. La mancata partecipazione a detti progetti da parte di uno dei componenti maggiorenni il nucleo familiare comporta la decadenza del beneficio.

Già dal mese di Gennaio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che definisce ambiti, caratteristiche e paletti dei PUC, i progetti utili alla collettività per cui adesso la palla passa ai Comuni che devono predisporre tali progetti così da permettere ai percettori del RdC di svolgere lavori socialmente utili.” ha dichiarato Dario Carbone, Vice Presidente del “Vento dello Stretto”. “Riteniamo doveroso che i percettori del reddito di cittadinanza, nell’attesa di trovare una occupazione, diano il loro contributo alla comunità mediante lo svolgimento di lavori socialmente utili in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni. L’amministrazione comunale messinese non dovrebbe perdere tempo nello sfruttare questa opportunità.” aggiunge Piero Adamo, Presidente del “Vento dello Stretto”.