fbpx

Ponte sullo Stretto: giovedì importante videoconferenza dell’associazione Athena, dibattito con ospiti autorevoli

ponte sullo stretto

Durante la conferenza si analizzeranno le implicazioni relative al progetto del Ponte in considerazione del contesto economico ereditato a seguito della crisi dovuta al diffondersi del covid-19

Nel solco del dibattito sugli strumenti da adottare per rafforzare il tessuto economico italiano, ancor più stimolato dall’ulteriore scossone dato all’economia dalla crisi coronavirus, oltre che dal costante clima di campagna elettorale che si respira in Italia da diversi anni a questa parte, è tornato in auge il tema del ponte sullo stretto di Messina.

In proposito l’associazione Athena Messina ha organizzato una videoconferenza dal titolo “Ponte sullo Stretto: scenari post-Covid-19”, in programma per il prossimo 18 giugno, a partire dalle ore 15, sulla pagina Facebook della stessa associazione.
Il programma prevede gli interventi di numerosi esponenti del mondo accademico che promuoveranno un’analisi multidisciplinare sul tema affrontandolo dal punto di vista economico, ingegneristico, giuridico e sociale.

Nel dettaglio i relatori saranno: Prof. Enzo Siviero, Magnifico rettore dell’università Ecampus; Prof. Michele Limosani, direttore di dipartimento di economia UNIME; Prof. Giuseppe Muscolino, titolare del corso di Dinamica delle strutture e di Analisi sismica delle strutture presso il dipartimento di ingegneria UNIME; Prof. Francesco Astone, direttore del dipartimento di giurisprudenza UNIME; Avv. Fernando Rizzo, presidente di rete civica per le infrastrutture nel mezzogiorno; Ing. Giovanni Mollica, ex consulente del general contractor Eurolink.

La conferenza sarà suddivisa in due momenti principali. Durante il primo i relatori faranno un breve intervento partendo da degli spunti proposti dai membri dell’associazione, mentre nella seconda fase risponderanno a tutte le domande del pubblico.
La partecipazione consentirà anche i rilascio di 0,25 CFU per coloro i quali compileranno l’apposito modulo il cui link si trova sulla pagina Facebook dell’associazione Athena.