fbpx

Movida a Messina, Bisignano e Greco: “positive le decisioni assunte dal Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica”

movida messina

Movida a Messina, Bisignano e Greco: “positive le decisioni assunte dal Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal Prefetto di Messina, e svoltosi con la partecipazione di diversi Sindaci, ai quali è stata demandata la emanazione di provvedimenti attuativi”

“Prendiamo atto positivamente delle decisioni assunte dal Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal Prefetto di Messina, e svoltosi con la partecipazione di diversi Sindaci, ai quali è stata demandata la emanazione di provvedimenti attuativi”. E’ quanto scrive in una nota Michele Bisignano, Portavoce Comitato Civico “Centro Storico Vivibile” e Anthony Greco, Presidente Associazione Centro Storico Messina. “Provvedimenti -proseguono- che dovrebbero tenere conto dei vari contesti locali “ambientali”, e che, per quanto riguarda la Città di Messina, ed, in particolare il suo centro storico, si sono resi necessari per i modi distorti con cui viene vissuta la cosiddetta “movida”, come è emerso da recenti fatti negativi, che costituiscono solo”la punta dell’iceberg”. Siamo in attesa, adesso, della emanazione urgente di una Ordinanza Sindacale, coerente con quanto deciso, che divenga cogente e che, sopratutto, venga fatta rispettare. Una Ordinanza che preveda per tutti i locali del centro storico cittadino, in cui si fa intrattenimento o vengano distribuiti e somministrati bevande alcoliche o superalcoliche, un orario unico per tutta la settimana, che, a nostro parere dovrebbe variare tra la mezzanotte per i primi giorni della settimana e massimo l’una di notte per le sere del weekend, e ciò per evidenti motivi di sicurezza pubblica.  Si verrebbe cosi a stabilire una regola univoca di comportamenti per gli esercenti di tutti i locali interessati, e si consentirebbe, finalmente, il diritto al riposo notturno di tanti cittadini residenti nel centro storico della città”, concludono.