fbpx

Milano: rapinano tabaccaia e la legano con fascette, fermati in due

Milano, 6 giu. (Adnkronos) – La proprietaria di una tabaccheria di via Mac Mahon a Milano è stata legata con delle fascette e rapinata da due uomini che sono stati poi rintracciati e fermati dalla polizia ieri sera. I due sono italiani, hanno 39 e 38 anni, e dovranno rispondere di rapina aggravata e sequestro di persona: sono indiziati di altre cinque rapine. La donna ha avvertito la polizia ieri mattina alle 9, riferendo agli agenti di aver subito, poco prima, una rapina: due uomini con il volto coperto, di cui uno armato di pistola, l’hanno minacciata con l’arma e legata con delle fascette da elettricista, per poi impossessarsi dell’incasso di 500 euro, del suo cellulare, di diverse stecche di sigarette, di biglietti ‘Gratta e Vinci” e di schede di ricarica telefonica. Dopo circa 10 minuti, la titolare è riuscita a liberarsi da sola.
In poche ore, gli agenti della squadra investigativa del Commissariato Comasina hanno subito iniziato le attività investigative e sono riusciti a individuare i due responsabili della rapina: erano nei pressi di un centro commerciale di Cormano, su un’auto risultata provento di furto. Gli uomini sono due pluripregiudicati che, a seguito di perquisizione, sono stati trovati in possesso di due coltelli con la lama di 20 e 30 centimetri, vari biglietti ‘Gratta e vinci”, un cellulare, la patente di guida della proprietaria della tabaccheria e del denaro. A casa dei due, in via Bellini a Cormano, hanno rinvenuto e sequestrato una pistola giocattolo, gli indumenti utilizzati per la rapina, 67 stecche di sigarette e 99 pacchetti, 19 biglietti Gratta e Vinci e 40 ricariche telefoniche, tutto materiale sottratto alla tabaccheria.
I due pregiudicati sottoposti a fermo sono stati anche indagati in stato di libertà per rapina aggravata in concorso, in relazione ad altre cinque rapine ai danni di esercizi commerciali commesse negli ultimi 30 giorni nell’hinterland milanese.