fbpx

Evviva le elezioni

corso garibaldi reggio calabria cassonetti

Reggio Calabria, le elezioni di settembre e i nuovi cassonetti dei rifiuti sul corso Garibaldi

A Reggio Calabria dovrebbero esserci le elezioni ogni anno. O magari anche ogni sei mesi. Non abbiamo dubbi che la città sarebbe migliore: e poi c’è qualcuno che dice che è inutile andare a votare! Oddio, probabilmente intende che difficilmente le cose cambiano, soprattutto in meglio, in base al risultato delle urne. Ed è difficile dargli torto su questo. Ma noi non esprimiamo giubilo per le imminenti elezioni perchè siamo convinti che le cose miglioreranno, pur consapevoli che peggio di così sarebbe molto difficile ma anche che al peggio non c’è mai fine. Fatto sta che le elezioni in sè, a prescindere dalla preferenza delle urne, sono uno stimolo per chi governa ad affrettarsi a fare bella figura per farsi rivotare. E magari per tentare di fare in 3 mesi tutto quello che non si è fatto in 6 anni.

Finalmente sono magicamente comparsi sul corso Garibaldi di Reggio Calabria, l’isola pedonale del centro storico, strada principale della città in cui quotidianamente si riversano migliaia di cittadini per acquisti nei negozi, svago e passeggio, i cassonetti per i rifiuti pedonali. I reggini li chiedevano a gran voce da sei anni: i precedenti, installati nel 2007, si erano pian piano erosi e distrutti, danneggiati, rotti, sventrati, spariti. E non sono mai stati sostituiti. Così succedeva regolarmente che le persone più civili e pazienti erano costrette a tenere in mano qualsiasi fazzoletto, bisogno degli animali, carta o busta, per svariate centinaia di metri, in alcuni casi persino 500 metri, costretti a salire sulle traverse circostanti per trovare qualche reduce dei cassonetti pedonali installati 13 anni fa.

Dopo sei anni di lamentele, proteste, richieste, pressioni nei confronti dell’Amministrazione Comunale che ha fatto talmente tanto silenzio che ormai la gente si era stancata e rassegnata, adesso a tre mesi dalle elezioni “puff”, ecco per magia comparire i cassonetti. Uno ogni 50 metri da entrambi i lati della strada! E senza clamore: niente foto, comunicati stampa, dirette facebook o selfie di Giunta. Come sarebbe normale e serio sempre.

Roba da non crederci.

Tra tre mesi si vota a Reggio Calabria. Approfittiamone: magari riescono a portarci l’acqua nelle case, asfaltare le strade e pulire i quartieri dalle montagne di spazzatura. E’ chiaro che la politica è ben altro: visione a lungo termine, strategia di città, grandi opere, progetti internazionali, infrastrutture, collegamenti, sviluppo. Ma nelle condizioni in cui siamo, ci accontenteremmo di un briciolo di normalità.