fbpx

Snam: report sostenibilità, emissioni gas -12% Co2 -10%, monitoraggi ambientali +68%

Roma, 15 mag. (Adnkronos) – Nel 2019 riduzione delle emissioni di gas naturale del 12% rispetto al 2018, di ossidi di azoto del 20%. Sono state ridotte, del 10%, anche le emissioni di Co2 equivalente diretta ed evitate emissioni di CO2 equivalente per 182mila tonnellate. Nel 2019, inoltre, sono stati sottoposti a monitoraggi ambientali 747 km di rete (+68% rispetto al 2018) ed è stato dato avvio al progetto Snam Plastic Less per l’eliminazione dell’utilizzo di plastica monouso in azienda e negli approvvigionamenti (imballaggi). Sono questi alcuni dei dati che emergono dalla quattordicesima edizione del proprio report di sostenibilità di Snam, il documento annuale che illustra gli obiettivi e rendiconta i risultati dell’azienda negli ambiti Esg (ambiente, sociale e governance). Il report è stato redatto in conformità agli standard Gri (Global Reporting Initiative) seguendo il metodo più estensivo (comprehensive).
Questo report, commenta l’ad di Snam, Marco Alverà, “è per noi uno strumento indispensabile di trasparenza, condivisione e dialogo con tutti i nostri stakeholder sulle strategie e i target ambientali, sociali e di governance di Snam. Il 2019 è stato un anno importantissimo su tutti gli ambiti Esg. In tema ambientale, abbiamo compiuto importanti progressi verso gli obiettivi di riduzione del 40% delle emissioni di gas naturale e di Co2 equivalente, diretta e indiretta, nel nostro core business, previsti rispettivamente per il 2025 e il 2030”.
Sul versante sociale, sottolinea Alverà, “abbiamo ridotto ulteriormente la frequenza degli infortuni sul lavoro e collaborato, anche attraverso Fondazione Snam, con 70 enti del terzo settore, creando sinergie che stiamo rafforzando in questi mesi per dare un contributo alla lotta all’emergenza Covid e alla ripartenza del Paese. Per quanto riguarda la governance, infine, abbiamo lanciato per primi in Italia il comitato consiliare sui temi Esg e avviato nuove iniziative in tema di equilibrio di genere e inclusione”.