fbpx

Sicilia, alla Lega l’assessorato ai Beni Cultura. A Palermo monta la protesta, città tappezzata di striscioni contro Musumeci [FOTO]

/

Lega all’interno della Giunta Regionale, la Sicilia non ci sta: per il 2 giugno annunciata una protesta di piazza per dire no e Palermo intanto viene tappezzata di striscioni contro il Presidente Musumeci

Nella notte Palermo è stata tappezzata di striscioni con la scritta: “No beni culturali alla Lega Nord – Musumeci dimettiti!”. L’azione di protesta nasce dopo l’annuncio del Presidente Nello Musumeci di affidare l’assessorato dei Beni culturali e dell’identità siciliana a un componente della Lega. Negli ultimi giorni è stato anche creato sulla piattaforma social Facebook anche il gruppo “No Beni Culturali alla Lega Nord – Musumeci Dimettiti!”, che conta già circa 30.000 iscritti.

Tra i tanti commenti di dissenso si legge: “Il Presidente della Regione si è schierato ufficialmente contro i siciliani. Non gli permetteremo di terminare il mandato come se niente fosse”, oppure ancora “è una vergogna far entrare nel parlamento siciliano la Lega Nord a occupare un posto che fu del grande professore Tusa”. Questa notte l’iniziativa degli striscioni, attaccati praticamente in ogni angolo del capoluogo, mentre per il 2 giugno è stata annunciata una protesta di piazza. “Musumeci non ci rappresenta e ci ha traditi svendendo la gestione dell’ambito culturale siciliano al Partito del Nord che da sempre disprezza la Sicilia. Scenderemo in piazza il 2 Giugno, il giorno in cui a Roma si svolgerà la manifestazione organizzata da Lega e Fratelli D’Italia per la Festa della Repubblica”, dicono. A Palermo, invece, proprio in opposizione alla manifestazione della Lega, i siciliani occuperanno la piazza davanti l’Assemblea Regionale Siciliana, Piazza del Parlamento, “per richiedere che non venga assegnato alla Lega Nord l’assessorato dei Beni culturali e dell’identità siciliana e le dimissioni del Presidente”, scrivono i membri più attivi del gruppo.