fbpx

Reggio Calabria, il Prefetto Massimo Mariani ospite del Progetto Biesse “Giustizia e Umanità, Liberi di Scegliere “

liberi di scegliere

Reggio Calabria, il Prefetto Massimo Mariani ospite del Progetto Biesse “Giustizia e Umanità, Liberi di Scegliere ” in videoconferenza con il Liceo Scientifico Leonardo da Vinci

Sua Eccellenza il Prefetto di Reggio Calabria Dott. Massimo Mariani ospite del Progetto Biesse “Giustizia e Umanità, Liberi di Scegliere ” in videoconferenza con il Liceo Scientifico Leonardo da Vinci. Prosegue con grandissimo successo il percorso educativo sui temi della giustizia e della legalità rivolto ai giovani delle scuole di tutta la Calabria per poi oltrepassare i confini regionali per raggiungere le scuole di tutta Italia. È un grande onore afferma -la Presidente Biesse Bruna Siviglia la presenza oggi del Prefetto Massimo Mariani sempre sensibile e attento a tutte le problematiche del territorio e che ringraziamo anche per il grande lavoro svolto nel corso dell’emergenza sanitaria. Il Prefetto Mariani nell’incontro online con gli studenti ha fatto una Lectio Magistrali sul concetto di libertà come valore inestimabile, l’importanza della scelta per essere cittadini liberi e consapevoli, ciò che serve è rispettare le regole così come abbiamo fatto in questo periodo di lockdown.
Un ringraziamento alla Dirigente Scolastica Dott.ssa Giuseppina Princi che per la seconda volta ha voluto ospitare il Progetto Giustizia e Umanità Liberi di Scegliere, eravamo partiti a ottobre proprio dal Vinci che è stata la scuola capofila di questo lunghissimo e affascinante percorso che non ci ha fermato neanche con l emergenza sanitaria, intatti il progetto continua online in tutte le scuole calabresi. Per la Dirigente scolastica Dott.ssa Giuseppina Princi- da sempre in prima linea sui temi della legalità il percorso Liberi di Scegliere è lo strumento più importante per il riscatto dei giovani che vivono in contesti familiari difficili e annuncia – che la sua scuola adotterà il libro del Presidente Di Bella- Liberi di Scegliere come strumento Educativo nell’ambito della disciplina di Educazione Civica e la firma a settembre di un’importante protocollo d’intesa con l’associazione Biesse.

L’incontro moderato splendidamente dalla giornalista Eva Giumbo ha visto protagonisti anche l’ing Gaetano Chiarelli che ha gestito la parte tecnica in rete e le Professoresse del Vinci Federica Orsini referente cittadinanza e costituzione e Caterina di Leo referente legalità che hanno curato l’agorà degli studenti che si sono confrontati con il Presidente Roberto Di Bella . Dopo la proiezione delle scene più salienti del film Liberi di Scegliere e il racconto delle tante storie dei ragazzi che il giudice Di Bella ha incontrato nel corso dei suoi 25 anni di attività presso il Tribunale di Reggio Calabria i numerosi studenti si sono confrontati in un dibattito ricco di domande e di riflessioni. Il giudice Di Bella si racconta con grande Umanità , ho scritto questo libro che vuole essere un lascito alla città, ai giovani perché dalla ‘Ndrangheta si può uscire. Dall’altra parte non c’erano dei criminali irrecuperabili, ma dei ragazzi che potevano essere aiutati. Erano cresciuti odiando lo Stato ma la loro infelicità era così forte che un dialogo era possibile. Bisognava solo avere il coraggio di tendere la mano. Ed il Presidente Di Bella conclude Bruna Siviglia ha avuto il coraggio di rivoluzionare la giustizia minorile tendendo la mano, per offrire a tanti giovani una nuova opportunità di vita libera e consapevole.