fbpx

Reggio Calabria, Marcianò: “l’amministrazione comunale non può pensare di nascondere tonnellate di rifiuti nella zona nord della città”

Emergenza rifiuti a Reggio Calabria, Marcianò denuncia la scelta dell’amministrazione comunale: “a rischio ambiente, paesaggio e salute dei cittadini”

“Stoccaggio Rifiuti e scelte comunali, adesso basta!”, è quanto scrive sui social Angela Marcianò. L’ex assessore della giunta Falcomatà, candidata a sindaco di Reggio Calabria alle prossime elezioni amministrative, denuncia la situazione in cui vive la comunità di Sambatello e della Vallata del Gallico: “l’amministrazione comunale non può pensare di andare oltre infliggendo un ulteriore colpo mortale ad un intero territorio. La decisione di liberarsi o meglio di “nascondere” tonnellate di spazzatura, che ne fotografano inequivocabilmente il totale fallimento, depositandole nei pressi di contrada Ponte Saracino’ nella zona nord della città, è inaccettabile.Tra l’altro questa scelta ricadrebbe su un’area in passato già bonificata, generebbe un serio rischio di inquinamento delle falde acquifere per gli abitanti di Sambatello, Diminniti, Pettogallico, Villa San Giuseppe, Gallico e Santa Caterina. Scelta dannosa per ambiente, paesaggio, salute dei cittadini e per giunta con evidente spreco di denaro pubblico. Ringrazio i cittadini che hanno voluto coinvolgermi in questa battaglia di civiltà. Difenderemo quelle comunità e daremo loro voce senza se e senza ma”, conclude la dott.ssa Marcianò.