fbpx

Costantino (Filt Cgil): “c’è a Reggio Calabria chi fa il flash mob e c’è a Roma chi lavora per difendere i lavoratori reggini di Alitalia”

Reggio Calabria, Costantino (Filt Cgil) a difesa dei lavoratori reggini di Alitalia

“C’è chi preannuncia Flash mob perché pensa che i calabresi, avendo notoriamente l’anello al naso, sono inferiori soprattutto intellettualmente (Feltri docet!). Un flash mob per dire che le Organizzazioni sindacali che hanno firmato l’accordo in tutte le aziende aeroportuali d’Italia con l’anticipo della cassa integrazione sono state improvvide e non hanno tutelato gli interessi dei lavoratori al contrario di quanto fatto in Calabria (unico posto!) dove invece vengono difesi attraverso un accordo che vieta esplicitamente l’anticipo salariale”. E’ quanto scrive in una nota Nino Costantino, Segretario generale Filt-Cgil Calabria. “Un Flash mob per sottolineare che gli stagionali vanno tutelati non si capisce con quale sortilegio, mentre l’unica via per mettere una pezza resta un provvedimento normativo ad hoc della Regione Calabria, essendo la Sacal per altro una sua partecipata. Un flash mob per dire adesso che bisogna salvaguardare i lavoratori a contratto determinato dopo averli demansionati (per come previsto nell’accordo) a lavoratori stagionali. E anche un flash mob per dire che c’è qualcuno che sta lottando, col moschetto in spalla, per salvare i lavoratori reggini di Alitalia al contrario di quanto stanno evidentemente facendo tutti i sindacati nazionali. A noi risulta, invece, e per questo ci siamo spesi, che tutti i sindacati nazionali di comune accordo (compresa la Uilt) hanno già cominciato a discutere di come mettere in sicurezza anche i nostri lavoratori di Alitalia. Del resto, se la nuova dimensione della compagnia di bandiera ha bisogno di ridimensionare lo farà dove avverte una profonda divisione sindacale (questo si studia alle prime lezioni dei corsi di formazione sindacale per giovani delegati). Inoltre, anche in Alitalia si è sottoscritto l’anticipo della cassa integrazione: a ulteriore conferma che solo i lavoratori della Sacal ne sono rimasti sprovvisti! E persino un flash mob per dire che la Sacal oggi è buona mentre ieri era cattiva. Un flash mob per chiedere al Presidente Santelli e all’assessore ai trasporti di essere convocati. Anche noi abbiamo chiesto che tutte le Organizzazioni sindacali (non solo la Filt-Cgil) fossero convocate. Vuoi vedere che l’unico assessore regionale ai trasporti d’Italia che non convoca i sindacati risponderà positivamente all’accorata richiesta della Uilt Calabria?”, conclude.