fbpx

Milazzo, degrado nella spiaggia di Ponente: “a quando la pulizia?” È polemica tra Nanì e il sindaco Formica

Mancata pulizia delle spiagge di Milazzo, botta e risposta tra il sindaco Formica e il consigliere Nanì

Il consigliere comunale Gaetano Nanì ha presentato una interrogazione al sindaco di Milazzo per denunciare lo stato di degrado della spiaggia di Ponente.
Una località turistica che vuole ripartire proprio dall’offerta turistico-ricettiva non può arrivare a maggio senza aver previsto la pulizia delle spiagge ­– afferma il consigliere – . Oggi i sette chilometri di arenile che collegano il Tono con Bastione sono ridotti in condizioni disastrose accogliendo rifiuti di ogni genere”.
Nanì, nel contestare “l’inerzia dell’Amministrazione che anche in questa fase di emergenza avrebbe potuto pianificare gli interventi al fine di consentire, alla fine del lockdown, di poter fruire della spiaggia, almeno per coloro che vivono in prossimità del mare”, chiede al sindaco “di fornire una data certa sulla pulizia delle spiagge considerato che la stagione, già compromessa dall’emergenza Covid 19, deve comunque poter iniziare e non essere definitivamente affossata dall’inefficienza della politica e della burocrazia”.

Pulizia delle spiagge, il sindaco replica a Nanì: “Il consigliere non è informato”

“Se il consigliere interrogante si fosse informato, come pure sarebbe stato suo dovere, avrebbe scoperto che la gara per la pulizia delle spiagge è stata bandita e si chiuderà lunedì – afferma Formica replicando al consigliere comunale Nanì – In questo momento in cui il territorio va promosso e sostenuto, le opposizioni dovrebbero rinviare, per amore della città, gli spot da campagna elettorale e dare una mano concreta alla ripresa. I milazzesi hanno problemi seri e non si appassionano alle beghe politiche. Se, viceversa, qualcuno vuole restare nella logica del “tanto peggio, tanto meglio”, faccia pure. Noi andiamo avanti. Le spiagge saranno pulite al tempo giusto per essere godute dai nostri concittadini e, ci auguriamo, anche dai turisti. A chi ama la nostra città, chiediamo di raccontarne le bellezze, di mostrarne gli angoli più suggestivi, di ricordarne le tradizioni. Al brutto ci pensano alcuni consiglieri comunali”.

Botta e risposta tra sindaco e consigliere

Il “caso spiagge” si è trasformato in polemica tra il consigliere Nanì ed il sindaco Formica. Dopo la replica del primo cittadino al rappresentante d’Aula consiliare, Nanì replica al primo cittadino:
Basta fare una interrogazione su un problema che interessa la collettività che il sindaco si innervosisce. Un consigliere ha il dovere di controllare l’attività amministrativa e di chiedere quando non sa e non è messo nelle condizioni di sapere anche perché questa gara sulla pulizia delle spiagge non è presente tra i comunicati ufficiali diramati dal Comune. In tutti i casi anche aggiudicare adesso il servizio è un fatto tardivo visto che la pulizia delle spiagge nelle località turistiche si programma ad inizio anno e si realizza già ad aprile, massimo inizi di maggio. Qui siamo ancora alla gara. Lascio al sindaco tutte le altre considerazioni che sono frutto forse di un certo nervosismo non tanto di campagna elettorale quanto di fine mandato“.