fbpx

Fase 2: Confesercenti, preoccupa bozza dl quadro, caso normativo e sanzioni (2)

(Adnkronos) – “Nonostante i rilievi delle parti sociali – rileva-, si stabilisce infatti l’efficacia di legge di linee guida che, per alcune categorie, sono impossibili da applicare e del tutto antieconomiche. Alle regioni si lascia solo la possibilità di agire entro i principi stabiliti, da un lato riducendo la possibilità di flessibilità sul territorio, dall’altro lasciando spazio a interpretazioni potenzialmente contrastanti. Cosa significa ‘entro i principi’? E le verifiche ed i controlli avranno come riferimento le norme locali o quelle nazionali? Il rischio è che le diverse competenze confliggenti fra stato e regione mettano in mora le incolpevoli imprese”.
Un elemento di confusione, aggiunge Confesercenti, “che contribuisce a complicare un quadro normativo già quasi inestricabile: dal 31 gennaio ad oggi sono stati prodotti, a livello centrale e regionale, già 593 provvedimenti relativi all’emergenza Covid-19, al ritmo di 5 provvedimenti al giorno. E, nonostante l’iperproduzione normativa, manca ancora un quadro definito”.
Difficilmente le regioni, conclude, “faranno in tempo a recepire le linee guida entro lunedì. Un livello di incertezza che, a tre giorni dalla data prevista di partenza, è inaccettabile: le imprese devono poter programmare l’attività. è inevitabile, a questo punto, che diversi imprenditori scelgano di non ripartire affatto”.