fbpx

**Fase 2: bozza, permessi di 6 mesi, no scudo per caporali**

Roma, 13 mag. (Adnkronos) – Un solo articoli e 22 commi, per mettere d’accordo le diverse anime del governo su uno dei capitoli più annosi del dl rilancio: la regolarizzazione dei lavoratori ‘invisibili’. I datori di lavoro “possono presentare istanza” , si legge nella bozza che arriverà in Cdm, per concludere “un contratto di lavoro subordinato con cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale ovvero per dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro irregolare, tuttora in corso, con cittadini italiani o cittadini stranieri”.
“A tal fine, i cittadini stranieri devono essere stati sottoposti a rilievi fotodattiloscopici” ovvero acquisizione di impronte digitali e foto “prima dell’8 marzo 2020” e “non devono aver lasciato il territorio nazionale dall’8 marzo 2020”. I cittadini stranieri, con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019″ possono richiedere “un permesso di soggiorno temporaneo, valido solo nel territorio nazionale, della durata di mesi sei dalla presentazione dell’istanza”. Anche per loro la data di riferimento è quella dell’8 marzo 2020 “e devono aver svolto attività di lavoro” antecedentemente “al 31 ottobre 2019”.