fbpx

Depistaggio Borsellino: legale, ‘bugie Di Matteo, i pm non ridimensionarono pentito Scarantino’

Palermo, 28 mag. (Adnkronos) – “Ci vuole davvero faccia tosta. Inventare di avere chiesto l’assoluzione al processo Borsellino bis, di quattro dei sette imputati ‘revisionati’! Minch..a solenne”. E’ la denuncia dell’avvocato Rosalba Di Gregorio, la legale di alcune parti civili del processo sul depistaggio sulle indagini sulla strage di via D’Amelio, dopo la puntata ‘Atlantide’ andata in onda ieri sera con l’intervista al consigliere del Csm Antonino Di Matteo che aveva rappresentato l’accusa nel primo processo Borsellino. Si tratta di imputati che erano stati condannati ingiustamente nei primi processi e poi assolti, appunto i cosiddetti ‘revisionati’. “
“Seconda cosa – dice Di Gregorio – Loro, cioè i pubblici ministeri avevano ridimensionato Scarantino? Bugia! Tanto era ridimensionato che, quando la Corte di Assise del processo bis (post ennesima ritrattazione di Scarantino), assolse giusto i ‘revisionati’ di oggi, lui e la sua collega Annamaria Palma fecero appello. L’unico ‘revisionato’ per cui non appellarono era Gaetano Murana. E appellò la Procura generale”.