fbpx

Coronavirus: S. Craxi, ‘Camere non siano campo di battaglia e luogo di folclore’

Roma, 21 mag. (Adnkronos) – “Alla Camera si è consumata una nuova scena di barbarie, uno sciacallaggio indegno e inqualificabile. Sono certa che il discorso tutt’altro che onorevole di Ricciardi, che trascende ogni legittimo diritto di critica, non appartenga alla maggioranza di governo e non sia neanche condiviso da parte del suo stesso gruppo. Ma il problema, dobbiamo dircelo, è più esteso e più diffuso e va oltre la vicenda in sè”. Lo afferma Stefania Craxi, senatrice di Forza Italia e vicepresidente della commissione Esteri del Senato.
“Infatti, tutti insieme, maggioranza e opposizione, dobbiamo porre un argine concreto -aggiunge- alla deriva di linguaggi e comportamenti inaccettabili che sempre più abitano le Aule parlamentari e le istituzioni. Forse, siamo ancora in tempo. Proprio per questo e per evitare che nei difficili mesi che ci attendono Camera e Senato diventino un ‘campo di battaglia’ e un ‘luogo di folclore’ serve ricondurre la dialettica politica nel perimetro della civiltà e del rispetto. Forse è il caso che tutti sottoscriviamo una sorta di ‘gentleman agreement’ ricordando a noi tutti alcuni obblighi verso il Paese e l’istituzione che provvisoriamente ciascuno di noi rappresenta. Ne va dell’immagina stessa del Paese. E, se non basta, è forse giunta l’ora dei provvedimenti esemplari”.