fbpx

Coronavirus: Galli, ‘virus non è meno aggressivo, è solo coda epidemia’

Milano, 29 mag. (Adnkronos) – “Il virus secondo me non è meno aggressivo, ma quella che stiamo vedendo è la coda di un’epidemia che ha visto la parte centrale e peggiore dell’epidemia stessa essersi già espressa. Abbiamo una situazione della malattia meno potente non perché si sia indebolito il virus, ma perché si sono selezionati nel tempo i pazienti”. A dirlo è Massimo Galli, primario infettivologo al Sacco di Milano, in un’intervista a Sky Tg24.
Ora, spiega, “l’85% abbondante delle persone che hanno questa infezione ce l’hanno a casa loro con sintomi che vanno dal decisamente fastidioso all’assenza di sintomi e in una condizione di questo genere è difficile poter dire che quelli che non hanno avuto una malattia conclamata abbiano un virus attenuato e quelli che invece hanno avuto la malattia conclamata abbiano un virus cattivo. Probabilmente è molto diversa la risposta individuale di ognuno, legata all’età e a numerosi altri fattori individuali”.