fbpx

Cassa integrazione in Sicilia, il sindaco di Messina De Luca: “Giuste le ammissioni di colpa della politica, però i dubbi restano. Ecco come sbloccare i pagamenti”

Il sindaco di Messina suggerisce l’adozione di un cronoprogramma e l’incremento del personale

“Ho apprezzato l’assunzione di responsabilità sotto il profilo politico del Presidente Musumeci, in merito al ritardo nella lavorazione delle pratiche di cassa integrazione in deroga. Restano comunque molti dubbi da chiarire, a cominciare dalla firma apposta dal DG dimissionario all’ormai noto ‘pizzino’ con cui si accordavano 10 euro a pratica per i dipendenti dell’Assessorato al Lavoro: è sicuro che nessun esponente del Governo regionale abbia dato un preventivo assenso a quell’indecente accordo? Siamo certi che il DG abbia agito in totale autonomia?”. A riferirlo è il Sindaco di Messina, Cateno De Luca che aggiunge: Sia chiaro, non siamo collezionisti di teste e pertanto non ci interessa veder rotolare quella dell’Assessore al Lavoro”.

Quello che per me importa per davvero – conclude il Primo cittadino – è la certezza dei tempi in cui queste pratiche saranno esitate, per dare finalmente a migliaia di famiglie la possibilità di accendere la pentola e sfamare i propri figli. A tal proposito ci permettiamo di dare qualche piccolo suggerimento. Si predisponga un cronoprogramma e lo si renda pubblico. Inoltre, si autorizzi l’incremento del personale addetto a tali mansioni, attingendolo anche da altri dipartimenti. Il periodo è di estrema crisi, economica e sociale: non guardare al di là del proprio orticello perché è più comodo, così non solo dimostra poca lungimiranza, ma assenza di altruismo”.