fbpx

**Carceri: la relazione giudici su boss Zagaria ‘scarcerato, rischia prendere virus in cella** (2)

(Adnkronos) – E i giudici nella loro relazione ribattono sul pericolo Coronavirus: “Nel caso di specie di Pasquale Zagaria, oltre a trovarsi di fronte all’impossibilità di ricevere le ‘indifferibili’ cure per la sua patologia, si trova anche esposto al rischio di contrarre la patologia Sars-Covid 19 in forme gravi, circostanza che ha anche impedito in maniera assoluta ogni ipotesi di ricovero negli ospedali”.
Zagaria in carcere avrebbe potuto contrarre il coronavirus “a contatto con personale della Polizia penitenziaria” e con “gli staff civili che ogni giorno entrano ed escono dal carcere”. Il giudice ribadisce nel provvedimento “la caratura criminale” di Zagaria e la sua “pericolosità sociale” ma ha anche ricordato di essersi presentato spontaneamente in carcere e che nel corso del processo “rese confessione in ordine a gran parte dei reati contestati” condotta che “rappresenta un inequivocabile sintomo di iniziale ravvedimento”. Il differimento ai domiciliari di Zagaria ha al momento la durata di cinque mesi perché “appare decisivo sapere gli esiti degli approfondimenti diagnostici per capire lè’evoluzione della patologia e le possibili cure”.