fbpx

Carceri: Di Matteo, ‘Bonafede cambiò idea sulla mia nomina al Dap per lo stop di qualcuno’

Palermo, 6 mag. (Adnkronos) – “Prima una proposta, poi un’altra” dal ministro Bonafede. “Da allora mi sono sempre chiesto cosa era accaduto nel frattempo. Se, e da dove, fosse giunta una indicazione negativa, magari uno stop degli alleati o da altri, questo io non posso saperlo”. Il consigliere del Csm Antonino Di Matteo torna a parlare della richiesta arrivata nel giugno del 2018 dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede di accettare l’incarico di capo del Dap. In una intervista a Repubblica, l’ex pm della trattativa tra Stato e mafia spiega cosa accadde in quelle 48 ore, dopo averne parlato nella trasmissione ‘Non è l’Arena’ su La7.
“Era lunedì 18 giugno – racconta – Ero a Palermo, a casa, il giorno dopo sarei tornato a Roma, nel mio ufficio alla Procura nazionale antimafia. Squillò il telefono, era Bonafede. Mi pose l’alternativa, andare a dirigere il Dap oppure prendere il posto di capo degli Affari penali. Chiuse il telefono dicendo ‘scelga lei'”. All’indomani, Di Matteo si reca al Ministero per incontrare Bonafede. “Gli dissi che accettavo il posto di capo del Dap. Lui, però, a quel punto, replicò che aveva già scelto Basentini”.