Coronavirus Messina, la VIDEOINTERVISTA al dottor Trovato: “altro che passeggiate, l’unica soluzione è il modello del Collereale: isolamento totale per tutti gli anziani, anche per quelli che stanno a casa”

A Messina le vittime coronavirus finora sono 25, tutte in gran parte anziani ospiti delle case di riposo: decessi che potevano essere evitati applicando il modello del Collereale. Ecco la videointervista al dottor Santo Trovato

Altro che autocertificazioni, passeggiate col cane e uscite per andare al supermercato o in farmacia. Il “modello Collereale” è l’unico sistema per proteggere i nostri anziani dal coronavirus e andrebbe riproposto per tutte le fasce a rischio contagio covid. È quanto sostiene il medico messinese Santo Trovato. A Messina le vittime di coronavirus finora sono 25, tutte in gran parte anziani ospiti di case di riposo. Per questo- secondo il medico messinese- appare lungimirante la strategia adottata dalla Casa d’ospitalità Collereale. Da alcuni giorni nella struttura di Messina, che ospita circa 170 anziani, è stato adottato il regime di convivenza: gli operatori rimangono in servizio per turni di 10 giorni consecutivi, tutti devono essere sottoposti a tampone e al cambio turno possono entrare in servizio solo gli operatori che risultano negativi al test. Per il dottor Trovato il regime di convivenza del Collereale va riproposto anche su tutti i soggetti vulnerabili che stanno affrontando la quarantena a casa. Vanno evitati uscite e contatti con l’esterno, familiari compresi. L’unica soluzione per tutelare gli anziani e isolare il virus è l’isolamento totale. “Se nelle case di cura di Messina non ci fossero stati contatti con l’esterno, non avremmo avuto vittime”– dice il medico. Ecco la videointervista al dottor Trovato realizzata dall’ex consigliere comunale Daniele Zuccarello:

Messina, l’intervista al dottor Trovato: “Coronavirus? C’è solo un modo per proteggere i nostri cari” [VIDEO]