fbpx

Il tragico ricordo e un pallone che ha smesso di rotolare: 8 anni fa il dramma di Piermario Morosini [FOTO]

  • Gettyimages / Maurizio Lagana
    Gettyimages / Maurizio Lagana
  • Gettyimages / Maurizio Lagana
    Gettyimages / Maurizio Lagana
  • Gettyimages / Maurizio Lagana
    Gettyimages / Maurizio Lagana
  • Gettyimages / Dino Panato
    Gettyimages / Dino Panato
  • Gettyimages / Dino Panato
    Gettyimages / Dino Panato
  • Gettyimages / Dino Panato
    Gettyimages / Dino Panato
  • Gettyimages / Maurizio Lagana
    Gettyimages / Maurizio Lagana
  • Gettyimages / Maurizio Lagana
    Gettyimages / Maurizio Lagana
  • Gettyimages / Maurizio Lagana
    Gettyimages / Maurizio Lagana
  • Gettyimages / Maurizio Lagana
    Gettyimages / Maurizio Lagana
  • Gettyimages / Maurizio Lagana
    Gettyimages / Maurizio Lagana
  • Gettyimages / Maurizio Lagana
    Gettyimages / Maurizio Lagana
  • Gettyimages / Laura Lezza
    Gettyimages / Laura Lezza
  • Gettyimages / Laura Lezza
    Gettyimages / Laura Lezza
  • Gettyimages / Laura Lezza
    Gettyimages / Laura Lezza
/

Era il 14 aprile 2012 quando a Pescara si consumò la tragedia di Piermario Morosini: il bergamasco rimase vittima di un arresto cardiaco durante la gara

Un calciatore che si accascia a terra, un pallone che smette di rotolare, un cuore che si arresta. Oggi, 14 aprile 2020, sono esattamente 8 anni dalla morte di Piermario Morosini. Terribili ancora nella mente di ogni tifoso, le immagini del centrocampista bergamasco che, nel corso del 77° minuto della partita Pescara-Livorno, cade improvvisamente sul prato verde dello stadio Adriatico e in preda a un malore cerca tre volte la forza di rialzarsi. Tutti impietriti di fronte allo schermo, mentre in diretta compagni e avversari capiscono la gravità della situazione e scoppiano in lacrime. E’ il triste ricordo del 25enne ex Reggina che è crollato sul tappeto dei suoi sogni, ma che noi vogliamo ricordare con queste foto. Con la sfera attaccata al piede, con la testa alzata in cerca di un compagno, con la grinta del mediano che lotta per contrastare un avversario. Ciao Moro, un bacio al cielo.