fbpx

“Lo Stretto di Messina è la porta d’ingresso della Sicilia”: i consiglieri di Libera Me scrivono a Musumeci

I consiglieri comunali di Messina chiedono a Musumeci di adottare la stessa ordinanza della Regione Sardegna

“Lo Stretto di Messina è una delle vie di accesso alla Sicilia. Certamente non è la principale se paragonata alla mobilità delle persone negli aeroporti di Catania e di Palermo e ancor meno lo è se il traffico sullo Stretto viene depurato dagli spostamenti dei pendolari giornalieri e/o settimanali calabresi e siciliani“- A dirlo sono i consiglieri comunali di Libera Me Biagio Bonfiglio, Nello Pergolizzi e Massimo Rizzo, in una nota invita al presidente Musumeci.
Da rappresentanti dei cittadini messinesi in Consiglio Comunale riteniamo doveroso intervenire dopo avere assistito in queste ultime settimane a prese di posizione che, nonostante riguardano un problema rilevante per il contenimento dell’epidemia, rischiano di essere del tutto inefficaci perché sembrerebbero essere mosse più da calcoli politici di breve periodo che dalla protezione degli interessi dei cittadini.
Archiviando Ordinanze, a volte in contrasto fra di loro, la invitiamo a considerare l’Ordinanza adottata dal Presidente della Regione Sardegna per monitorare la mobilità in entrata in Sicilia al fine di ridurre la probabilità di diffusione del contagio. Nei limiti delle competenze istituzionali di ciascuno e nell’interesse della salute dei cittadini siciliani, riteniamo che una sua iniziativa in tal senso possa essere utile per fronteggiare con efficacia l’emergenza sanitaria che ha colpito il nostro Paese”- scrivono i consiglieri.