Le Ricette di StrettoWeb – Pesce stocco con le patate alla Calabrese

/

Le Ricette di StrettoWeb: ghiotto appuntamento alla scoperta del “Pesce stocco con le patate alla Calabrese”

Il pesce stocco con le patate è un piatto tipico della tradizione calabrese. Sono diverse le ricette a base di stocco, fra cui la “ghiotta”, preparata la Vigilia di Natale, che prevede l’aggiunta del cavolfiore. In provincia di Reggio Calabria è famoso lo stocco di Mammola ed è interessante sapere come arrivò da noi questo pesce proveniente dalle regioni del nord Europa: nel 1432 un commerciante veneziano, Piero Querini, naufragò con i suoi marinai e fu salvato da alcuni pescatori delle isole norvegesi. Qui ebbe modo di apprezzare lo stoccafisso il cui nome deriva infatti dal norvegese “stokkfish” o “pesce bastone”. Il merluzzo nordico viene lasciato essiccare alle basse temperature dell’artico ed in passato fu apprezzato non solo per la sua bontà ma anche perché il pesce così trattato si manteneva inalterato per lunghissimo tempo e si prestava quindi ad essere trasportato e commercializzato. A quel tempo il problema di conservare i cibi era davvero importante. Il pesce stocco giunse quindi a Venezia e poi in tutta Italia. Dal porto di Napoli i merluzzi essiccati raggiungevano con piccole imbarcazioni il porticciolo di Pizzo. Da qui, percorrendo le mulattiere di un tempo, arrivò a Mammola dove, la purezza dell’acqua, lo rese particolarmente buono.

Difficoltà: facile

Preparazione: 40 minuti circa

Cottura: 30minuti

Porzioni: 4 persone

Costo: medio

INGREDIENTI

600 g. di stoccafisso

4 patate novelle

1 cipolla rossa di tropea

Sale

1 vasetto di pomodori pelati

Peperoncino

Basilico

Olio extravergine d’oliva

20 Olive verdi

Preparazione

Si tratta di una ricetta abbastanza veloce e molto gustosa. Iniziamo subito: fate rosolare la cipolla con l’olio, aggiungete i pelati e portate a metà cottura. Mettete le patate tagliate a spicchi e fate cuocere per 10 minuti; unite i peperoncini e lo stocco a pezzi, fate cuocere ancora per 20 minuti. Aggiustate di sale ed unite per ultimi olive e basilico fresco.

Conservazione

Il pesce stocco va conservato in frigorifero per uno o due giorni al massimo.

Curiosità e benefici dello stoccafisso

La preparazione e conservazione dello stoccafisso permette di mantenere le sue proprietà nutritive: è ricco di proteine e minerali ed ha un basso contenuto di grassi. Uno studio ha individuato nella sua particolare composizione proteica un fattore determinante nell’aiutare chi lo consuma a perdere peso. Le sue proteine ad alto valore biologico lo rendono particolarmente utile per chi pratica sport e per le persone dai 40 anni in su, nelle quali inizia gradualmente la perdita della massa muscolare.

Il consiglio della zia

Il sughetto gustoso che si ottiene dalla preparazione del pesce stocco con le patate ci permette di preparare anche un primo sfizioso. In alternativa agli spaghetti o alla pasta fresca potete utilizzare la stroncatura, una pasta tipica di grano duro e farina integrale, ricavata un tempo dagli scarti della lavorazione ed ora riscoperta e prodotta solo da alcuni pastifici artigianali calabresi. Il sugo può essere arricchito con i capperi ed il pangrattato tostato. Se preferite, in alternativa alla pasta, create una zuppa con i crostini di pane ed il sugo del pesce stocco.