Categoria: EDITORIALIMESSINANEWSSICILIA

La Pasqua del sindaco De Luca nella sua Fiumedinisi: “Prego per tutti voi, anche per coloro che mi vedono come un ostacolo da abbattere”

Gli auguri di Pasqua del sindaco di Messina

“Santa Pasqua a tutti voi, Santa Pasqua a noi sindaci che facciamo di tutto per garantire la vostra salute. Santa Pasqua a chi sta in trincea, a chi sta nei presidi sanitari, alle Forze dell’Ordine che garantiscono la nostra sicurezza, a chi sta nelle attività che ci garantiscono i nostri beni primari, a chi trasporta i beni essenziali, a chi non può stare a casa. Santa Pasqua anche a chi sta sopra di noi, i nostri governati che ogni tanto ci fanno impazzire ma che comunque continuano a svolgere il proprio ruolo. Santa Pasqua a coloro che no hanno potuto dare l’estremo saluto ai propri cari e non hanno potuto ricevere l’ultima carezza dai propri cari. Questo virus cambierà le nostre abitudini. Questa guerra ci porterà a riflettere su quelli che sono i valori della fratellanza, i valori dello stare insieme. Questa guerra ci sta segnando, perchè ha minato le libertà fondamentali, le nostre abitudini. Sarà una nuova vita, siamo ormai in una fase che ci consente di poter sperare; una fase nella quale non dobbiamo sbagliare. Dobbiamo continuare a stare a casa, non possiamo abbassare la guardia. Noi stiamo già lavorando per il post coronavirus, ci sarà una nuova vita per tutti, una fase per la quale tutti quanti saremo lì pronti a questo nuovo cammino, rinnovati e ricchi di un’esperienza che dalla riflessione porta sicuramente a una nuova azione. Santa Pasqua a tutti voi, io sento sulla mia pelle la responsabilità del mio ruolo, sento il grido di dolore e di speranza che ognuno di voi mi ha mandato in queste settimane. Io ci sono, voi ci siete, e insieme riprenderemo il cammino. Santa Pasqua a voi e alle vostre famiglie”– lo ha detto il sindaco De Luca in un videomessaggio per augurare buona Pasqua a tutti i messinesi. Anche oggi il sindaco De Luca non ha fatto mancare post sui social. E stamattina, come racconta lui stesso, è stato sottoposto a controllo dalle Forze dell’Ordine nella sua Fiumedinisi, dove ha fatto visita ai suoi genitori e poi ha partecipato alla santa messa celebrata da padre Daniele Feminò. “Ho pregato per tutti voi ed anche per coloro che vedono la mia estroversa ed impertinente figura come un ostacolo da abbattere a tutti i costi e con ogni mezzo lecito ed illecito“- scrive il sindaco.