fbpx

Cura Italia, la deputata messinese Siracusano (FI): “Esami di Stato per avvocato con la sola prova orale, giovani non paghino il prezzo del Coronavirus”

Il gruppo di Forza Italia della Camera ha presentato un emendamento al decreto ‘Cura Italia’ per modificare le modalità di svolgimento dell’esame di Stato

Tanti giovani laureati che hanno sostenuto l’esame per l’abilitazione di avvocato, o che magari stanno studiando in queste settimane per preparare la prossima sessione, non possono pagare il prezzo del Coronavirus e vedere, così, sfumare abnegazione e sacrifici.
Per questa ragione il gruppo Forza Italia della Camera dei deputati ha presentato un emendamento al decreto ‘Cura Italia’, che ho convintamente firmato, per modificare le modalità di svolgimento dell’esame di Stato in considerazione dell’emergenza che stiamo vivendo, senza rallentare oltremodo il percorso formativo e professionale di tanti ragazzi.
La nostra proposta prevede, tenendo conto delle attuali difficoltà organizzative, che per la sessione 2019/2020 tutti i candidati all’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione forense che abbiano sostenuto le prove scritte siano ammessi alla prova orale.
Le materie e le competenze oggetto di valutazione nelle prove scritte saranno valutate nell’ambito e secondo i criteri della prova orale. Fermo quanto previsto per la prova orale, ai fini del positivo superamento dell’esame il candidato dovrà riportare almeno la sufficienza in due delle valutazioni relative alle materie e competenze in questione. Il tutto sarà possibile grazie ad una riorganizzazione delle Commissioni incaricate della valutazione delle prove orali su tutto il territorio nazionale.
Con questo emendamento Forza Italia si schiera con determinazione dalla parte di tanti giovani, vogliosi di intraprendere la professione forense e che non devono rischiare ritardi nelle sessioni 2019/2020 e 2020/2021. Semplifichiamo, sburocratizziamo, snelliamo i procedimenti per superare le difficoltà di questi complicatissimi mesi”. Così Matilde Siracusano, deputata di Forza Italia e membro della Commissione Giustizia di Montecitorio.