fbpx

Coronavirus: su dl aprile tensioni su famiglia, dubbi su assegno, ipotesi aiuti spalmati

Roma, 28 apr. (Adnkronos) – Proprio ieri il premier Giuseppe Conte ha incontrato il Forum delle famiglie, per poi annunciare a stretto giro un piano ad hoc per chi, con i nonni fuori gioco, i figli a casa da scuola e l’emergenza Covid-19 che morde le tasche, è in affanno forse più di chiunque altro. Ma sul dl aprile, che il governo spera di approvare giovedì -ultimo giorno del mese corrente- uno dei nodi più complessi da sbrogliare è proprio quello sulle famiglie, tra bonus baby sitter, congedi parentali e assegni per i figli da valutare.
Ecco l’ultimo punto in particolare, l’assegno familiare, a quanto apprende l’Adnkronos è motivo di maretta nel governo. A battagliare per inserire un assegno mensile per tutti i figli, dando un sostegno stabile alle famiglie, è la ministra Elena Bonetti, di Italia Viva. Somme che, per la responsabile della Famiglia, varierebbero in base all’Isee, garantendo da 80 a 160 euro di aiuto mensili. “Così come lo ha pensato Bonetti costa troppo -dicono fonti del Mef all’Adnkronos – è davvero difficile riuscire a inserire l’assegno nel decreto, praticamente impossibile…”.
L’assegno familiare, dunque, sarebbe altamente in bilico. Ma per andare incontro alle esigenze delle famiglie si studiano altre ‘ricette’. I 5 Stelle, ad esempio, premono per inserire il ‘peso’ familiare in tutte le misure varate, una sorta di quoziente che andrebbe a incidere su tutti gli aiuti destinati alle famiglie, aumentandone il valore in termini di entrate.